domenica, Dicembre 4, 2022

Arriva il 118 per cani e gatti. Il servizio parte da Firenze e nel 2016 sarà attivato anche in Valdarno

Una nuova unità di soccorso per animali vittime di incidenti stradali. L’hanno definito il “118” per cani e gatti, ma potrà essere esteso anche ad altre specie animali. Il servizio, a carattere sperimentale, partirà in questi giorni da Firenze, il 1 gennaio sarà esteso in tutta l’Area Vasta centro che comprende Firenze, Empoli, Prato, Pistoia (e quindi anche il Valdarno Fiorentino) e diventerà regionale a partire dall’1 luglio. La fase di test terminerà alla fine del 2016 quando ci sarà un bilancio sull’intervento. Ad annunciarlo è stato lo stesso Governatore della Toscana Enrico Rossi, che ha ricordato come il Granducato si confermi all’avanguardia in Italia nella cura degli amici a quattro zampe. Ma come funzionerà il servizio? Non ci sarà alcun soccorso a domicilio. L’unità medica interverrà infatti per le strade in caso di investimento di un animale, muovendosi come avviene in caso di emergenza classica. Dopo l’sos, il mezzo di soccorso arriverà sul posto, prestando le prime cure alla bestiola ferita, che sarà poi “ricoverata” in una struttura per la degenza, che potrà essere un ambulatorio veterinario o anche una location sanitaria gestita dai volontari. Volontari che saranno parte integrante del progetto, dato che la loro presenza è prevista anche sulle unità mediche mobili. La Regione Toscana contribuirà mettendo a disposizione la linea telefonica per l’sos e , ovviamente, il personale che risponderà dall’altro capo del telefono.

Marco Corsi
Marco Corsi
Direttore Responsabile