domenica, Dicembre 4, 2022

San Giovanni. In arrivo altri sei migranti. Saranno tutti impiegati in lavori di pulizia e decoro urbano

Sono sei i migranti attualmente collocati nel territorio comunale di San Giovanni Valdarno. Sono ospitati in un appartamento di via Sante Tani affittato dall’associazione che si sta prendendo cura di loro, un gruppo di cooperative che sta gestendo i servizi di accoglienza. Ma il numero è destinato a crescere. Sono infatti in arrivo altri sei rifugiati che verranno alloggiati, in questo caso, in un appartamento in zona Le Fornaci. Il comune di San Giovanni, in accordo proprio con i gestori del servizio, sta definendo un percorso che consentirà ai dodici extracomunitari di rendersi utili alla collettività. E’ stato infatti richiesto alla Regione Toscana il finanziamento previsto per progetti di volontariato. Ciò consentirà di impiegare i migranti in lavori di pulizia e decoro urbano. “Si tratta di puro volontariato – ha detto il sindaco di San Giovanni Valdarno Maurizio Viligiardi -. In questo momento i profughi stanno partecipando a corsi di formazione, ma a breve potranno aiutarci in piccole mansioni legate alla cura della nostra città, come esempio la pulizia delle aree verdi”. Un modo intelligente per consentire agli ospiti non solo di rendersi utili, ma anche di avviare un percorso di integrazione che può partire anche dalle piccole cose come questa. Intanto giovedì mattina il Prefetto di Arezzo Alessandra Guidi si è presentata a San Giovanni Valdarno per incontrare, insieme al Sindaco Viligiardi, un cittadino sangiovannese, Angiolino Cellai. Il Prefetto si è congratulato con lui per essersi distinto, con impegno, a favore dell’integrazione dei ragazzi profughi ospiti proprio dell’appartamento di via Sante Tani. Ai giovani extracomunitari Angiolino ha insegnato anche la lingua italiana. Un bell’esempio di altruismo e alto valore sociale

Marco Corsi
Marco Corsi
Direttore Responsabile