19 Settembre 2021 - 01:30

Rubava lampade votive dal cimitero

Probabilmente aveva una passione, o forse era vittima di una macabra mania di collezionismo. Sta di fatto che, quando poteva, rubava i lumini al cimitero di Montevarchi. Era da tempo che gli uomini del Commissariato di Montevarchi ricevevano segnalazioni da parte di cittadini che denunciavano il fatto di aver visto sparire dalle tombe dei propri cari le lampade votive.

A seguito di queste denunce di furti che avvenivano all’interno del cimitero comunale di Montevarchi, gli agenti di polizia hanno avviato le indagini. Dopo una serie di appostamenti i poliziotti hanno individuato in un montevarchino di 47 anni, la persona che poteva aver commesso la serie di reati.

Nel corso della perquisizione dell’abitazione dell’uomo, delegata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, sono stati rinvenuti arredi funebri posti ad ornamento delle tombe che l’uomo, di fronte all’evidenza dei fatti, ha ammesso di aver asportato proprio dal camposanto di Via della Sugherella. Il montevarchino non ha fornito indicazioni sul motivo della suo condotta, tanto è che gli inquirenti hanno pensato che il gesto sia da ricondursi ad una forma maniacale, ipotesi avvalorata anche dal fatto che il 47enne aveva postato persino sul suo profilo Facebook la foto di alcuni degli oggetti sottratti dal cimitero cittadino.

Restano da individuare le singole tombe e loculi da dove sono stati asportati gli arredi e le lampade votive. Ora l’uomo dovrà rispondere di furto e danneggiamento di beni storici.