domenica, Novembre 27, 2022

Il Governo risponde a Becattini su Sammezzano: ” il proprietario non è obbligato ad assicurarne la visita”

Si dichiara parzialmente soddisfatto della risposta ricevuta  Lorenzo Becattini, Parlamentare PD, che nei giorni scorsi aveva presentato un’interrogazione al Ministero dei Beni Culturali sulla complicata vicenda del Castello di Sammezzano.

“Ho ringraziato per la tempestività del riscontro sul mio atto e per la ricostruzione del quadro normativo che assoggetta il bene a un regime di vincoli fin dal 1909 e, in ultimo, con il Codice dei beni culturali e del paesaggio.
Ho ricordato che si tratta di una realtà pressoché unica- afferma Becattini- in ragione del gran numero di visitatori venuti da tutta Europa, dell’interesse mostrato dal mondo del cinema e della moda e anche perché periodicamente i maggiori quotidiani nazionali dedicano ampio spazio al Castello e alla sua storia.”

“Ho fatto presente che questo interesse si deve molto a un processo nato dal basso, da cittadini che con forte senso civico e amore per i beni culturali hanno ricreato attenzione su Sammezzano e sul marchese Panciatichi.
Ho ringraziato gli uffici periferici del Ministero per il prezioso lavoro fin qui fatto.Tuttavia, poiché l’ultimo capoverso della risposta del Ministro si limita a disporre ‘Per quanto riguarda la pubblica fruizione, vorrei precisare che il Castello, benché vincolato, è di proprietà privata e, come è agevole comprendere, il proprietario non è obbligato ad assicurarne la visita’, ho sottolineato che avrei gradito, pur nel rispetto dei ruoli e delle titolarità che a ciascuno competono, una precisazione più netta riguardo alle iniziative da concordare con le istituzioni locali, Comune di Reggello e Regione Toscana, e in primis con chi potrà acquisire il bene, per mantenere con apposite regole quella fruibilità pubblica che è stata la base per la riscoperta del Castello e del suo parco.”

Insomma, sembra che Il Governo non abbia intenzione di farsi carico del problema. Intanto la nuova asta per la vendita del Castello, degli edifici annessi e del parco si dovrebbe tenere a febbraio 2016. Il prezzo di vendita, questa volta, sarà di 15 milioni di euro. Con buona pace dei tanti cittadini, valdarnesi e non , che si sono mobilitati e si stanno mobilitando per impedire che un bene così prezioso per la comunità vada a finire in mani che lo renderebbero ” off limits” al pubblico.

Serena Paoletti
Serena Paoletti
Redattrice