martedì, Febbraio 7, 2023

Terranuova. Le fatture dei servizi scolastici arrivano in ritardo a casa delle famiglie. Polemiche sugli accorgimenti adottati

Le fatture di pagamento dei servizi di asilo nido, mensa scolastica, trasporto scolastico e Ciaf arrivano a casa dei terranuovesi in ritardo e il comune chiede aiuto ai cittadini. Come? invitandoli ad apporre all’esterno della propria abitazione una cassetta postale con indicati chiaramente nome e cognome degli intestatari delle fatture. Una vicenda che, a detta della lista civica Terranuova In Comune dimostra che “sui pagamenti per i servizi scolastici ed educativi, siamo ancora all’anno zero”. La lettera è arrivata alle famiglie dei bambini che frequentano le scuole cittadine e, secondo il gruppo consiliare di opposizione, evidenzia carenze macroscopiche nella gestione del servizio riscossioni. “ Una lettera grottesca – ha tuonato la minoranza – , ma purtroppo drammaticamente reale, che mette nero su bianco l’arretratezza da Medioevo del nostro comune che non riesce ad introdurre sistemi di pagamento e di comunicazione più snelli ed efficaci. Non solo, ma stavolta si scarica direttamente sui bambini a scuola e sui genitori destinatari delle fatture un’azione di controllo che spetterebbe agli uffici comunali”. Il movimento civico, dopo aver denunciato le difficoltà palesate nella gestione delle insolvenze, ha indicato anche una possibile soluzione. Dotare i genitori utenti di una carta prepagata, con un codice personale, da ricaricare on- line o tramite esercizi convenzionati in modo da avere un riscontro in tempo reale sulla condizione dei pagamenti. “ Ma ciò che è avvenuto a Terranuova – ha concluso la lista civica – conferma invece una preoccupante inadeguatezza, di cui qualcuno, a livello politico o amministrativo, deve assumersi la responsabilità, soprattutto per aver mandato una lettera sui pagamenti consegnata ai bambini tramite la scuola”.

Marco Corsi
Marco Corsi
Direttore Responsabile