La notizia dell’Audi nera con a bordo dei falsi Carabinieri spopola sul web. Ma è una “bufala”

400

Se è vero che gli episodi di truffe e purtroppo di furti sono sempre dietro l’angolo è anche vero che non mancano, soprattutto sul web, quelle che in gergo si chiamano “bufale”. Da qualche giorno,infatti in rete, circola una notizia, diventata poi una vera e propria catena di Sant’Antonio, nella quale si dice “di prestare la massima attenzione ad una Audi A6 nera statione wagon targata XXXXXX che sta perpetrando furti in zona, anche di giorno . A bordo ci sono 4 persone.Tre di queste fingono di essere carabinieri sono in divisa ed entrano nelle case per rubare. Stamattina ci sono riusciti!- continua il post su Facebook-i Carabinieri veri hanno detto di non far entrare nessuno neanche se in divisa e di avvisare più persone che si può.“
Segue l’invito a verificare la notizia con i carabinieri e a diffondere il più possibile.
Le Forze dell’ ordine hanno smentito questa notizia. Non è vera, o comunque è vera a metà: infatti qualche giorno fa sono stati arrestati 4 uomini a bordo appunto di un Audi nera, dotata di lampeggiante. I quattro avevano messo a segno dei colpi e dei furti, però nella zona di Napoli. Ma come succede, la notizia è diventata “ virale” ed è arrivata anche in Valdarno. Molti internauti della vallata l’hanno postata su Facebook credendo di aiutare le indagini per la ricerca della famigerata Audi nera. Auto che però non esiste e tantomeno esistono i falsi Carabinieri che entrano nelle case del Valdarno e della provincia di Firenze.
“ Non abbiamo notizie di contesti reali in merito a questa segnalazione- ci ha detto il comandante della compagnia dei Carabinieri di Figline Luca Mercadante- ma solo appunto chiamate da parte di cittadini che avendo letto la notizia su Facebook o WhatsApp ci hanno chiamato. Una volta arrivati sul posto, però non abbiamo trovato niente”. Insomma, si raccomanda ai cittadini la massima attenzione e di verificare se la notizia è vera o falsa, soprattutto se in questo caso è “ virale”.