2 Agosto 2021 - 09:00

La querelle sugli Alberi di Natale a Castelfranco Piandiscò non si esaurisce. Cacioli. “Ci saranno quattro allestimenti”

“La nostra storia è anche fare l’albero di Natale o la rappresentazione del Presepe nelle piazze. A Castelfranco, Faella, Piandisco’ e Vaggio non devono mancare. E se mancheranno che qualcuno se ne prenda la responsabilità, deliberandolo”. Questo quanto dichiarato dalla lista civica guidata da Marco Morbidelli, uscita allo scoperto dopo le indiscrezioni raccolte nei giorni scorsi. In base alle informazioni raccolte dalla forza di opposizione, sembra che quest’anno l’amministrazione comunale non abbia intenzione di realizzare il consueto Albero di Natale nei centri di Castelfranco, Piandisco’ e Faella. Ma una decisione in merito, a detta del movimento, spetta al consiglio comunale, pertanto è stata chiesta ufficialmente una seduta ad hoc. ” Ci diranno che nel comune ci sono tante mostre, cori, presepi viventi ecc… ma noi rispondiamo che non le fa il comune – ha tuonato il capogruppo della lista di minoranza – . Nascono nei gruppi, associazioni, parrocchie, non è la comunità civile che si identifica. E’ l’amministrazione comunale che ha il dovere di riconfermare la nostra civiltà e le tradizioni che la contraddistinguono”. Nelle ultime ore è arrivata la replica di sindaco e assessori. E’ stato precisato che, nell’ambito del ricco programma predisposto per queste feste, sono quattro le edizioni dei presepi: il Presepe Figurato di Piazza del Gioco a Faella, quello nella Cappella dei Bianchi a Castelfranco, il Presepe Vivente a Castelfranco di Sopra, una delle più antiche rappresentazioni viventi del Valdarno, che si terrà il 25 dicembre nel bellissimo scenario della Badia a Soffena e la XII edizione del Presepe Vivente di Piandiscò, in programma il 26 dicembre nello spazio intorno alla Pieve, divenuta una delle mete più gettonate del Natale dei valdarnese ormai da oltre un decennio. Per quanto riguarda invece gli Alberi di Natale, sono in fase di realizzazione in Piazza del Gioco a Faella, nei giardini di fronte alla Pieve a Piandiscò, nella pineta di Vaggio, in piazza Livio Sati a Castelfranco. “In data 24 novembre – ha detto il sindaco Enzo Cacioli – la giunta aveva già dato indicazione agli uffici competenti in merito agli allestimenti, tutti finanziati dal comune. Gli stessi uffici comunali stanno seguendo un tabellino di marcia per allestire ed illuminare i nostri quattro centri urbani principali”.

Marco Corsi
Direttore Responsabile