venerdì, Settembre 30, 2022

Il Gruppo “Sì Toscana a Sinistra del Valdarno” polemizza sull’evento di domani a La Ginestra. “No a strumentalizzazioni politiche”

“Ci dissociamo da qualsiasi appoggio esplicito o implicito all’amministrazione comunale di Montevarchi in occasione dell’evento organizzato dall’associazione “Montevarchi Bene Comune” e da “GiGa”. A pronunciarsi in questi termini il gruppo “Sì Toscana a Sinistra del Valdarno” che ha preso spunto da un’iniziativa che si terrà questo sabato alla Ginestra Fabbrica della Conoscenza. Evento legato all’efficienza energetica e all’ecologia. Sarà presente, per l’occasione, il capogruppo di Sì Toscana a Sinistra in Consiglio Regionale, Tommaso Fattori.”Niente di anomalo fin qui – hanno sottolineato Manuela Minetti e Ginevra Prosperi -.Fattori possiede infatti tutte le competenze per affrontare anche da un punto di vista scientifico il tema che verrà trattato. Ci chiediamo invece perché gli organizzatori non abbiano contattato prima il gruppo valdarnese di Sì Toscana, del quale conoscono i referenti, allestendo un evento a cui parteciperà anche il sindaco di Montevarchi ed un membro della giunta. Dato che la città è in clima di campagna elettorale già da alcune settimane in vista delle amministrative del 2016 – ha continuato Sì Toscana Valdarno – , ci chiediamo se questo tipo di operazioni non abbiano il fine di strumentalizzare il confronto politico in corso all’interno della sinistra montevarchina e del Valdarno, causando quindi soltanto confusione e disorientamento nell’opinione pubblica”. Sì Toscana a Sinistra si è quindi dissociata da qualsiasi appoggio esplicito o implicito a Grasso che potrebbe trapelare, ricordando che è ancora aperto un confronto tra le varie forze politiche civiche e di sinistra, tra cui Sinistra Ecologia Libertà, Rifondazione Comunista, Alternativa Libera – Possibile e Percorso Comune. “Soltanto questo gruppo, in maniera unitaria, deciderà liberamente e senza alcuna subalternità quale sarà il progetto migliore da mettere in campo per la Montevarchi di domani”, hanno concluso la Minetti e la Prosperi.