lunedì, Gennaio 30, 2023

Bocciata la mozione presentata da Bucci per vietare i botti di Capodanno a Montevarchi

E’ stato un dibattito infuocato, con duri scambi di accuse tra il consigliere Mauro Bindi e il capogruppo del Pd Alessandro Bencini. Dopo più di quaranta minuti di botta e risposta, il verdetto. Bocciato. Parliamo del documento presentato sotto forma di mozione da Luciano Bucci, che stamani il consiglio comunale a Montevarchi ha posto all’attenzione del parlamentino una proposta che ha fatto molto discutere. Il divieto di vendere e poi di utilizzare in luoghi pubblici, fino al 1 gennaio, materiale pirotecnico. Insomma, niente botti di Capodanno. La proposta è arrivata in seguito ad una consuetudine che, per Bucci, crea problemi alla civile convivenza, arrrecando anche danni: quella di far esplodere petardi e artifici similiari in occasioni particolari, come ad esempio la notte di San Silvestro. “In passato si sono verificati episodi anche gravi – ha scritto il consigliere nella mozione -, soprattutto a persone anziane ed a minori, nei confronti dei quali deve essere assicurata una speciale tutela. Senza dimenticare che i botti, per gli animali costituiscono una pesante fonte di stress e un serio fattore di rischio per la loro vita”. Per Bucci, quindi, sarebbe un atto di grande civiltà vietare per tutto il periodo natalizio e fino alla mezzanotte del primo gennaio 2015 fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e altri strumenti pirotecnici. Nel documento si è chiesto quindi di vietarne la vendita e l’utilizzo sia in un luogo pubblico, sia, in alcuni casi, privato. La mozione non è passata per l’astensione della maggioranza, mentre hanno votato a favore i consiglieri di opposizione. ” Hanno timore di urtare i venditori? – ha polemizzatoi Bucci – Hanno timore di urtare sensibilità in vista delle elezioni prossime? Sensibilità zero!!! Questa è la sinistra ambientalista, animalista, quella che combatte il bullismo, quella che vuole rivitalizzare i centri storici … Ogni cittadino giudichi!!”. Il dibattito, come ricordavamo è stato molto acceso. Dopo l’illustrazione del documento da parte del capogruppo di Prima Montevarchi, Alessandro Bencini, dalle file del Partito Democratico, ha ricordato che la battaglia vera è la lotta all’illegalità dei botti, che spesso vengono venduti in maniera non conforme alle legge. “Ci devono essere controlli a monte – ha aggiunto Bencini -. La mozione non risolve il problema, in quanto le persone potrebbero acquistare il materiale altrove”. Di tutt’altro parere i consiglieri di minoranza, che hanno proposto anche alcuni emendamenti. Ma alla fine il voto è stato sfavorevole e non ci sarà alcun divieto.

Marco Corsi
Marco Corsi
Direttore Responsabile