Vicenda Abb. Mozione in giunta del consigliere regionale Simone Tartaro. “Monitoraggio e mediazione”

337

Il consigliere regionale valdarnese Simone Tartaro, lunedì scorso, ha partecipato al tavolo tecnico istituito dalla Regione per monitorare la vicenda Abb. La multinazionale svizzera, che ha uno stabilimento anche a Terranuova Bracciolini, ha venduto l’attività degli inverter solari alla Fimer di Vimercate. I sindacati sono scesi in strada e anche l’amministrazione comunale di Terranuova ha manifestato qualche perplessità. I timori, ovviamente, sono per le prospettive della forza lavoro.
Tartaro ha presentato in queste ore una mozione alla giunta regionale chiedendo di proseguire nell’opera di monitoraggio e di mediazione tra i vari soggetti coinvolti, attivandosi anche con il Ministero competente perché venga coinvolto in maniera attiva insieme alla partecipazione delle istituzioni locali, delle organizzazioni sindacali e delle proprietà. Lo scopo dovrà essere quello di mantenere i livelli occupazionali e la presenza dell’azienda nell’ambito del territorio aretino.
“L’attività relativa agli inverter solari di ABB conta circa 800 dipendenti in oltre trenta Paesi. Questa unità include il businnes degli inverter solari di Power-One, acquisito nel 2013 che, integrato nel Business Electrification di ABB, ha realizzato un fatturato di circa 290 milioni di dollari nel 2018. Non posso quindi che condividere e fare mie le preoccupazioni espresse dai lavoratori e dalle organizzazioni sindacali e ribadite all’incontro dei giorni scorsi in Regione. – ha detto Tartaro – . Non si può aspettare: è necessario e urgente ottenere ragguagli in merito ai tempi ed alle modalità di cessione da parte delle due aziende e, con particolare riferimento ad ABB, garanzie sia sull’integrazione dell’attività lavorativa fra i due segmenti, fra loro interdipendenti, frutto dell’operazione di vendita, cercando di tutelare, con ogni azione utile, i rapporti di lavoro in essere e la realtà aretina. Realtà peraltro ormai costitutiva del tessuto economico locale e radicata sul nostro territorio”.
Duplice l’impegno che, nell’atto presentato, viene richiesto alla Regione. “Con questa mozione – ha precisato Tartaro – sollecito sia a continuare nel monitorare la situazione e richiedere maggiori informazioni sulle prospettive mettendo assieme tutti i soggetti coinvolti, sia di un tavolo nazionale in considerazione dell’importanza e della portata sovra regionale dell’azienda”.