mercoledì, Novembre 30, 2022

San Giovanni. La giunta Vadi interviene per ridurre e ottimizzare i consumi energetici del comune. Ecco il piano

Sono state definite “buone pratiche per la riduzione dei consumi energetici del comune”. Operazione messa in campo dall’amministrazione di San Giovanni Valdarno nell’ambito di un piano che è stato definito in queste settimane. La giunta Vadi, con una recente delibera, ha deciso infatti di attivare una serie di interventi che vanno in una direzione ben precisa. “L’ottimizzazione e la razionalizzazione dei consumi – si legge nella delibera – è legata all’attuazione di spese di investimento che, agendo direttamente sugli elementi passivi e attivi degli immobili e degli impianti, riducono la dispersione e abbattono l’assorbimento dell’energia, ma si può attuare anche attraverso buone pratiche di gestione che a costo zero possono comunque fornire benefici energetici immediati”.
Nello specifico verrà ripristinata l’illuminazione pubblica dei circuiti di “mezza notte” e dopo le 24 sarà mantenuta spenta l’illuminazione dei giardini pubblici dove non sono presenti percorsi pedonali. L’operazione coinvolgerà anche il cimitero comunale, con luci spente dopo l’orario di chiusura. . Spenta nelle ore diurne anche l’illuminazione al primo piano interrato del parcheggio “Dalla Chiesa”, e sarà ridotta al 30% l’illuminazione nell’orario notturno di minor affluenza. I dirigenti e gli uffici comunali hanno poi ricevuto il mandato di attivare i contatti necessari per arrivare allo spostamento delle attività attualmente presenti nel palazzo dell’ex Pretura. Dovranno inoltre procedere con l’installazione di sensori crepuscolari all’interno del secondo piano del parcheggio “Dalla Chiesa”.
Sarà poi necessario fornire report, mensili o bimestrali, che permettano di mantenere un costante monitoraggio dei consumi e procedere alla voltura delle utenze ai concessionari e/o locatari di immobili pubblici sulla base dei contratti stipulati. Ma non finisce qui. Il Comune di San Giovanni ha deciso di stabilire, in accordo con i gestori degli immobili pubblici, quali i dirigenti scolastici e associazioni sportive e culturali, la razionalizzazione degli orari di fruizione degli spazi, in modo da consentire la riduzione degli orari di accensione degli impianti di riscaldamento; • Verranno poi attivate le azioni necessarie per ridurre l’utilizzo dei condizionatori presso il Palazzo Comunale alle fasce orarie più calde e sarà ottimizzato l’orario di accensione degli impianti di riscaldamento. Insomma, la spending rewiew è iniziata. In attesa di quelli che sono stati definiti interventi strutturali.