Montevarchi: l’antistadio si rifà il trucco

960

Nuovo look per l’antistadio di Montevarchi. La struttura dovrebbe diventare uno dei capisaldi della riconversione complessiva degli impianti sportivi cittadini venendo incontro alle esigenze di spazi della società rossoblù e degli amatori attraverso un restauro radicale che passa ad esempio dalla creazione di un terreno di gioco in erba sintetica.
In attesa degli sviluppi dei progetti futuri, la dirigenza del club aquilotto ha investito risorse proprie per rendere ancora più funzionale e decoroso l’impianto frequentato da centinaia di calciatori in erba e a pochi passi dallo stadio centrale.
Gli interventi non hanno riguardato il fondo del rettangolo di gioco, ma l’installazione di un nuovo e più moderno impianto di irrigazione, centralizzato e in grado di coprire l’intera superficie. All’interno degli spogliatoi e degli ambienti accessori, invece, i volontari dell’Aquila hanno provveduto a sostituire i rivestimenti e le mattonelle di copertura dei locali.
Un remake per una struttura che ogni anno, durante l’estate, si cerca di mettere in livrea per accogliere in un modo più consono i giovani praticanti e le squadre ospiti degli aquilotti nelle varie categorie giovanili.
Novità anche per la curva Sud del “Brilli Peri”: sotto i gradoni è stato installato un bar, un piccolo chiosco in legno, sorta di succursale di quello attiguo alla tribuna laterale.