Sanità: aggiornamento tecnologico per la Radioterapia della Gruccia e di Arezzo. Intervento da oltre 1 milione di euro

355

Aggiornamento tecnologico alla Radioterapia dell’ospedale di Santa Maria alla Gruccia. Partirà ad ottobre e riguarderà i macchinari del reparto realizzato grazie al contributo decisivo del Calcit Valdarno.
Proprio il Comitato Autonomo Lotta ai Tumori aveva da tempo sollecitato l’intervento sulle apparecchiature per ottenere una sempre maggiore funzionalità nella cura delle neoplasie.
Adesso la notizia ufficiale da parte della Asl Toscana sud est che ha previsto un impegno di spesa di oltre 1 milione di euro, comprensiva anche dell’analogo servizio al San Donato di Arezzo.
La prima sede interessata sarà proprio il monoblocco valdarnese e per questo l’attività clinica dell’acceleratore lineare dovrà essere sospesa da metà ottobre a metà novembre ed in quel periodo naturalmente non sarà possibile effettuare trattamenti in loco.
I pazienti del Valdarno che nelle prossime settimane dovranno essere sottoposti a Radioterapia, dunque, saranno indirizzati all’ospedale di Arezzo e già da ora la direzione dell’azienda sanitaria si scusa con gli utenti, consapevole che potranno andare incontro a qualche disagio.
“Alla ripresa dell’attività, il presidio di vallata potrà contare su tecnologie rinnovate ed aggiornate, con la fattiva collaborazione del Calcit Valdarno, per garantire un servizio sempre migliore e adeguato alle sfide della moderna oncologia”.