lunedì, Novembre 28, 2022

Figline. 24 ore al Palio di San Rocco. Attesa, tradizione e alcuni aneddoti

Poche ore ci separano dall’apertura dell’edizione numero 47 del Palio di San Rocco di Figline e gli ultimi preparativi fervono nella “corsa” verso il Palio di Paola Imposimato.
In attesa della serata inaugurale dell’ “olimpiade medievale” di questa giostra, “rinnovata” dalle radici antiche, interrotta nei secoli e ripresa nel 1972, facciamo un punto della situazione ricordando alcuni aneddoti, curiosità e statistiche di questa Festa ormai pluridecennale.
Porta Senese è la contrada che ha vinto la scorsa edizione, e che ha collezionato 3 Palii ininterrottamente dal 2016. Tra questi successi, la contrada di Santa Caterina d’Alessandria custodisce nel suo museo due drappi dipinti da Paola Imposimato (2009 e 2016). Il “tris” di Porta Senese non è l’unico dell’albo d’oro. Aretina ha trionfato dal 1983 al 1985 e dal 1991 al 1993. San Francesco, lo stesso, dal 1986 al 1988.
Porta Aretina ha collezionato 18 Palii, l’ultimo nel 2014; Porta San Francesco 13 con digiuno dal 2011; Porta Senese 10; Porta Fiorentina 6, con ultima vittoria nel 2015. La contrada, che ha come simbolo il giglio fiorentino e prende nome dalla porta che “guardava” verso Firenze, oggi custodisce 6 drappi. Pochi, ma ha subito anche alcuni anni di inattività a causa di un mancato cambio generazionale. Tanti, invece, i trofei vinti nella giostra cavalleresca di giugno (disputata per alcuni decenni), quando i Palii erano 2.
Il digiuno più lungo, quindi un record negativo del Palio, lo detiene Fiorentina che non ha vinto dal 1978 al 1994.
A cavallo, le contrade che hanno ben figurato nella storia sono Porta Aretina e Porta Fiorentina, mentre Porta Senese e Porta San Francesco si sono distinte nella rappresentazione storica con i carri e nei giochi della domenica.
Una delle gare che ha contraddistinto per alcuni anni la contrada del Santo di Assisi è il tiro alla fune.
Un tempo ogni contrada allestiva due carri, uno di arti e mestieri e uno con la rappresentazione storica. Percorrevano un giro in “tondo” passando per la piazza Ficino e per via San Domenico, dove ad ogni postazione stavano dei giudici che, in maniera diversa da oggi, decretavano un vincitore.
Il Palio di San Rocco fin dal 1972 era corso sul Carretto, e solo dal 1982 subentrarono il Palio a Cavallo, la terra, i cavalieri e i 4 destrieri. Dagli anni ’90 diminuirono le discipline, arrivando ad ottenere la “forma” del Palio odierno, con 5 gare: Rappresentazione storica, Corsa delle Bingonce, Palio del Carretto, tiro alla fune e Palio a Cavallo.
In una sola edizione il Palio a Cavallo si è tenuto di sabato. Questo è successo nel 2008, quando Porta Aretina e Porta Senese arrivarono al martedì in parità e furono costrette a disputare il drappo ai dadi. Ebbe la meglio Porta Aretina. Era l’anno del “millesimo” dalla fondazione di Figline (1008 – 2008). Grandi furono i fuochi della ditta Soldi e ci fu una partecipazione più massiccia della popolazione.