lunedì, Novembre 28, 2022

Figline. Il progetto “Dada” come incentivo all’istruzione per l’Istituto Comprensivo

All’Istituto Comprensivo di Figline prosegue e si amplia il progetto “Didattica per gli Ambienti di Apprendimento” (DADA), che ha avuto il suo avvio nell’anno scolastico 2017-18 e si è attuato, in termini operativi, presso​ la scuola secondaria di primo grado “Da Vinci”, nel 2018-19. Si tratta di una nuova metodologia di insegnamento, che modifica sia l’approccio educativo del docente che dello studente. Sono infatti gli alunni a raggiungere una certa aula, dedicata all’insegnamento di una specifica disciplina e, pertanto, personalizzabile dai docenti che la gestiscono.​ L’obiettivo del progetto è duplice: responsabilizzare gli studenti e fornire loro nuovi stimoli, partendo dalla riorganizzazione degli spazi e rendendo più fluida la classica impostazione delle lezioni frontali.​ Ad essere coinvolti da questa rivoluzione sono gli oltre 500 ragazzi delle due sedi della “Da Vinci”: la succursale del Matassino e la centrale di Figline, per le quali il​ Comune ha investito 40.000 euro, che si sommano ai 30.000 già investiti nel 2018,​ grazie anche ad un contributo da parte della Regione Toscana.​
Dopo il rifacimento delle aule e la riorganizzazione degli spazi dello scorso anno, a disposizione degli alunni, sin dal primo giorno di scuola,​ quest’anno le novità principali riguardano gli arredi, come, ad esempio, i banchi modulari, gli armadietti, gli schermi interattivi e flessibili, comprese le attrezzature scolastiche.
Si tratta di oltre 500 armadietti, di cui 350 acquistati dal Comune e i restanti direttamente dall’Istituto Comprensivo, che ha investito oltre 20.000 euro di risorse proprie, più altrettante provenienti dalla vittoria di un bando sulle scuole innovative promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.​
Il prossimo step del progetto consisterà nella sua estensione alle scuole primarie e dell’infanzia, dove sarà realizzata almeno un’aula laboratorio, concepita come biblioteca, come aula di robotica o dedicata ad altre materie, a seconda delle competenze del personale scolastico.​
“Da un primo monitoraggio sul progetto, disponibile sul sito dell’Istituto comprensivo, è emersa grande soddisfazione da parte di genitori, alunni e docenti nei confronti del Dada​ – ha spiegato la​ dirigente scolastica, Barbara Bucciolini​ – insieme ad alcune richieste migliorative relative ad arredi e attrezzature, che siamo riusciti ad accogliere anche grazie al supporto del Comune. Intanto, come Istituto, monitoriamo l’uscita di​ bandi dedicati alle scuole innovative, in modo da intercettare nuovi finanziamenti, dal momento che il modello della​ ‘scuola in movimento’​ porta ad avere effetti​ estremamente positivi sui ragazzi, sia in termini di attenzione e concentrazione sia in termini di responsabilizzazione”.​
“Il progetto Dada è una rivoluzione in termini di didattica e di metodologie di apprendimento​ – ha poi commentato​ l’assessore all’Istruzione, Francesca Farini​ – e siamo felici, come Comune, di contribuire a finanziarlo sul nostro territorio. Si tratta infatti di​ permettere alle nostre​ scuole di essere all’avanguardia,​ di introdurre novità rispetto ai tradizionali metodi educativi, di​ stimolare curiosità e attenzione e di fornire nuovi stimoli ai nostri ragazzi”.