30 Ottobre 2020 - 16:59

Giardino Spinelli di Montevarchi. Il Comitato di residenti: “Lo scempio si avvicina”

“Giardino Spinelli: lo scempio si avvicina”. E’ il commento del Comitato dei residenti, da anni in prima fila per evitare la distruzione del parco pubblico tra via di Terranuova e la Regionale 69 a Montevarchi, alla notizia che il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso in appello con il quale chiedeva la modifica o l’annullamento della sentenza del Tar della Toscana.
“Avendo sempre ritenuto doverosa la difesa del Giardino pubblico siamo, quindi, dispiaciuti, amareggiati e assolutamente in disaccordo su questa decisione – scrive il referente degli abitanti Roberto Casucci – e al contempo sconvolti dalle affermazioni trionfalistiche del sindaco Silvia Chiassai Martini”.
“Ora sicuramente potrà fare le opere necessarie per le quali si era impegnata in campagna elettorale, ma difficilmente avrà la riconoscenza dei propri cittadini, in quanto, oltre a non avere mai detto che per realizzarle avrebbe messo in vendita anche un giardino pubblico, procede invece alla sua cementificazione arrecando un danno irreparabile al quartiere e al patrimonio dell’intera città”.
Non è tanto la sentenza che rammarica il Comitato, prosegue il portavoce, “ma la constatazione che l’attuale maggioranza non ha fatto tutto il necessario per evitare di dover vendere questo luogo di benessere e per trovare le risorse necessarie con altri mezzi: troppo facile vendere i “gioielli di famiglia” – è la conclusione – e attribuire la responsabilità alle precedenti amministrazioni”.