23 Settembre 2020 - 08:04
More

    San Giovanni e Loro Ciuffenna: contributi per i commercianti che vogliono riaprire l’attività

    Purtroppo sono ancora molti i negozi dei centri storici valdarnesi che in questi ultimi periodi hanno chiuso le proprie attività. Ebbene in alcuni comuni della vallata, come Loro Ciuffenna e San Giovanni V.no, il Comune sta predisponendo concessioni per agevolare gli esercenti che, dopo aver chiuso da almeno sei mesi il punto vendita, hanno intenzione di riaprirlo od eventualmente desiderano ampliare quello esistente.

    Saranno infatti erogati contributi a partire dall’anno nel quale avviene la riapertura o l’ampliamento degli esercizi fino ai successivi tre anni di attività.

    La misura del finanziamento sarà in rapporto alla somma dei contributi che l’esercente deve versare al Comune in un anno. Nel caso di riaperture queste imposte, però, dovranno risultare regolarmente pagate nell’anno precedente a quello nel quale è stata presentata la richiesta di concessione, e fino al 100% dell’importo.

    Possono fare domanda per beneficiare dei contributi gli esercenti dei settori dell’artigianato, turismo, fornitura di servizi destinati alla tutela ambientale, alla fruizione di beni culturali e al tempo libero, nonché del commercio al dettaglio (compreso chi somministra alimenti e bevande al pubblico) e che sono in possesso delle abilitazioni e delle autorizzazioni richieste per lo svolgimento delle attività nei settori previsti.

    Sono escluse dalle agevolazioni le attività di compro oro e le sale per scommesse o che detengono al loro interno apparecchi da intrattenimenti; escluse anche le attività con i subentri, a qualunque titolo, in attività già esistenti precedentemente interrotte; i negozianti che intendono aprire per la prima volta nuove attività e chi decide di riaprire in conseguenza a cessioni di attività preesistenti da parte del medesimo soggetto anche se in società con altri.

    Le domande, sia a Loro Ciuffenna che a San Giovanni V.no, possono essere presentate entro il 28 febbraio prossimo, consegnandole inviandole all’indirizzo di posta certificata di entrambi gli enti(a San Giovanni anche presso il Punto Amico).

    I contributi saranno concessi, nell’ordine di presentazione delle richieste, fino all’esaurimento delle risorse iscritte nei bilanci comunali.