26 Febbraio 2020 - 08:01
More

    Furti in aumento a Cavriglia e Terranuova. Il punto sulla sicurezza in Valdarno di Prefettura e forze dell’ordine

    Furti in aumento a Cavriglia e Terranuova. Il dato è emerso ieri mattina a Montevarchi durante la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto di Arezzo Anna Palombi e a cui sono intervenuti il Questore, i Comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, i sindaci dei Comuni di Montevarchi e Terranuova, gli assessori di Bucine e Cavriglia e il Comandante della Polizia Provinciale.
    Al centro dell’attenzione in particolare le incursioni dei ladri che, nel raffronto tra il 2018 e il 2019, sono diminuite a Bucine (-17%) e lievemente a Montevarchi (-2%) mentre si registra un incremento a Terranuova Bracciolini (+4%) e un balzo in avanti a Cavriglia addirittura del 52%. Qui i soliti ignoti hanno messo nel mirino in special modo gli appartamenti, come ha attestato lo stesso portavoce dell’amministrazione comunale ricordando la serie di colpi compiuti la scorsa estate che hanno avuto una ricaduta negativa sulla percezione della sicurezza degli abitanti. Una tipologia di reato che, invece, nelle altre tre località è in flessione.
    Nello specifico il Comandante provinciale dell’Arma ha riferito che sono stati disposti e attuati servizi di controllo nel territorio cavrigliese capaci di interrompere il trend negativo evidenziando l’importanza della collaborazione della gente.
    L’assessore di Bucine ha ringraziato le forze di polizia e l’Arma dei Carabinieri in particolare per la preziosa e costante azione assicurata a presidio del territorio.
    Sergio Chienni, primo cittadino terranuovese, invece, ha posto l’accento sui fenomeni sempre più diffusi tra le nuove generazioni, dall’uso di droghe all’abuso di alcool, assicurando che la Polizia Locale è fortemente impegnata nella prevenzione e nel contrasto di simili criticità negli esercizi pubblici e nei locali notturni di intrattenimento.
    Dal canto suo la sindaca Silvia Chiassai Martini ha rimarcato il rapporto sinergico tra le varie forze dell’ordine che ha consentito con un gioco di squadra di infliggere un duro colpo allo spaccio di stupefacenti nel centro storico e davanti ai plessi scolastici montevarchini.
    Il Prefetto ha annunciato che a breve verrà stipulato un protocollo con le associazioni dei gestori delle discoteche e questi ultimi si assumeranno una serie di impegni per predisporre misure e interventi migliorativi degli standard di sicurezza per la clientela. Riproposta inoltre la necessità di istituire il cosiddetto “controllo di vicinato”, che vede protagonisti i residenti e di aderire al patto, già firmato con il Comune capoluogo di provincia e chiamato “Mille occhi sulla città”, che coinvolge nell’opera preventiva anche gli istituti di vigilanza privata.
    E se il Questore ha auspicato un sempre maggior impiego degli strumenti amministrativi messi a disposizione dei sindaci dalle recenti normative a tutela del decoro e della sicurezza urbana dei centri abitati, il Comandante provinciale delle Fiamme Gialle ha confermato che saranno sempre più capillari le verifiche economico-finanziarie e fiscali sulle attività imprenditoriali e commerciali per far emergere le sacche di sommerso e di evasione, combattere il lavoro nero e la contraffazione.
    Gli amministratori infine sono stati sollecitati a prestare la massima cura nell’esame degli appalti pubblici e delle forniture per evitare l’infiltrazione della malavita organizzata.
    In chiusura la videosorveglianza: arriveranno nuove telecamere e sarà completato il progetto per mettere in rete e condividere tutte le informazioni.