3 Aprile 2020 - 10:06
More

    Montevarchi: nuova scala antincendio alla Primaria del Pestello. Approvato il progetto esecutivo

    Una nuova scala antincendio per la scuola Primaria del Pestello di Montevarchi. L’amministrazione comunale ha approvato il progetto finalizzato alla messa in sicurezza e all’adeguamento delle vie di fuga dell’edificio.
    La scala, formata da telai in acciaio, partirà dal cortile esterno dell’immobile per arrivare al primo piano, mentre l’uscita di emergenza sarà ottenuta ampliando l’apertura di una finestra attualmente a servizio di un locale destinato a deposito. Lavori necessari per garantire il funzionamento del piano d’esodo secondo quanto prescritto dalle normative vigenti in materia di prevenzione incendi, oltre che una maggiore resistenza del fabbricato.
    Il costo complessivo dell’intervento è di 55.500 euro, di cui 50.000 ottenuti dal Comune nel 2019 da un bando del MIUR, il Ministero dell’Istruzione, per la concessione di contributi relativi all’adeguamento antincendio degli edifici scolastici.
    “I lavori per la messa a norma delle nostre scuole restano una necessità assoluta del mio mandato amministrativo – ha affermato il sindaco Silvia Chiassai Martini – come ho avuto modo di sottolineare più volte, in quanto sono il primo momento di incontro tra famiglie, ragazzi e la pubblica amministrazione. Abbiamo la responsabilità di assicurare ai nostri figli, ambienti sicuri e accoglienti, in grado di accompagnarli nel percorso di crescita e di apprendimento. Per questo motivo, in questi anni, ci siamo attivati per sfruttare ogni occasione utile per accedere anche ai finanziamenti messi a disposizione dei Comuni, come il nostro, che da solo non può soddisfare le tante esigenze di una carenza di manutenzioni importanti a tutto il patrimonio pubblico comunale, comprese le scuole, che in molti casi supera addirittura i 30 anni. La nostra priorità resta la sicurezza e stiamo facendo ogni sforzo possibile per realizzare concretamente interventi indispensabili che inspiegabilmente non si è provveduto a fare in passato”.