3 Agosto 2020 - 14:39
More

    Rissa in centro a Figline. 3 feriti. Spuntano anche coltelli e manubri per pesi da palestra

    Rissa mercoledì scorso, attorno alle 20, nel centro storico di Figline Valdarno. Cinque persone di nazionalità albanese, tra cui una donna, tutti incensurati e da anni residenti nel figlinese, hanno dato vita ad un’accesa zuffa, anche con l’ausilio di coltelli e manubri da palestra.
    Lo scontro ha visto contrapposti un nucleo familiare composto da quattro soggetti ed un altro connazionale, e, come hanno precisato i carabinieri, è avvenuto al culmine di una diatriba economica per alcuni lavori edili non saldati che perdura da anni e sulla quale gli interessati non si sono mai messi d’accordo.
    Come accertato dai militari della Compagnia di Figline Valdarno, prontamente intervenuti a seguito delle diverse segnalazioni giunte al 112 dalle persone che passeggiavano lungo Corso Mazzini e Corso Matteotti, lo scontro è iniziato tra due soli uomini per poi degenerare in rissa con l’intervento, a sostegno di uno di loro, dei propri familiari. Nella circostanza le parti hanno fatto uso di coltelli da cucina, di un coltello a serramanico e di due manubri per pesi da palestra, tutto materiale poi rinvenuto sul posto e debitamente sequestrato.
    Tre soggetti coinvolti sono ricorsi alle cure dei sanitari, riportando rispettivamente: un trauma cranico non commotivo con contusione della spalla sinistra; un politrauma con multiple ferite lacero contuse sul cuoio capelluto e sul braccio destro, oltre alla frattura del seno mascellare, dell’orbita e dello zigomo sinistri; alcune ferite da punta e taglio al fianco sinistro con ricovero in ospedale. Tutti i partecipanti alla rissa sono stati compiutamente identificati dai Carabinieri e le rispettive responsabilità sono attualmente al vaglio degli inquirenti.