1 Ottobre 2020 - 00:02
More

    Incontro sulla Bekaert. Il gruppo belga: “Ipotesi più avanzata quella di Trafilerie Meridionali”

    “Dopo la rinuncia di alcuni a causa del deterioramento delle condizioni di mercato post Covid, l’ipotesi allo stato più avanzato su cui si continua a lavorare, di concerto con Mise, Invitalia e Regione Toscana, è quella di Trafilerie Meridionali”. Lo ha comunicato il gruppo belga Bekaert dopo l’incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico che si è svolto questo pomeriggio sul futuro dello stabilimento di Figline. Erano presenti anche rappresentanti istituzioni e delle organizzazioni sindacali.
    “Si continua a lavorare, di concerto con Mise, Invitalia e Regione Toscana, sulla proposta di Trafilerie Meridionali, l’azienda italiana attiva nel settore delle lavorazioni metalliche, che prevede un supporto diretto di Invitalia – ha spiegato la Bekaert -. Il piano industriale presentato è stato ripreso e approfondito nei dettagli tecnici, finanziari, impiantistici e occupazionali. È stata in particolare consolidata la prospettiva industriale e sono previsti importanti investimenti per favorire una migliore sostenibilità di mercato e maggior assorbimento occupazionale”.
    Il piano è adesso in fase di valutazione presso Invitalia. Successivamente potranno essere affrontate in modo
    approfondito le questioni più rilevanti ancora aperte. “Sul fronte del ricollocamento attivo dei lavoratori – ha aggiunto Bekaert -, sono state intercettate sin ora 230 offerte di lavoro compatibili con i profili dei lavoratori, di cui 36 ancora disponibili, e sta proseguendo il matching tra domanda e offerta e il lavoro sulla riqualificazione professionale. I distaccati o ricollocati presso altre aziende sono attualmente 72. Ad oggi sono complessivamente 178 i dipendenti di Figline Valdarno ancora in CIGS”.

    Marco Corsi
    Direttore Responsabile