1 Ottobre 2020 - 00:56
More

    Asl Toscana Sud Est, appello ai giovani: “Discoteca sì, ma rispettando le regole anti contagio”

    Un appello della Asl Toscana Sud Est per ricordare l’importanza di attenersi alle misure e alle norme anti-Covid, soprattutto nelle località turistiche della costa meridionale della regione, dove l’arrivo dei vacanzieri e quindi il decisivo aumento della popolazione in questi mesi crea più occasioni di aggregazione.
    Il messaggio è rivolto ai ragazzi che frequentano i locali e le discoteche e ai gestori delle strutture perchè il divertimento sia garantito e si impedisca la diffusione del contagio.
    Tra le norme da osservare sull’intero territorio nazionale l’obbligo per i clienti e per il personale di indossare la mascherina sempre nei luoghi chiusi e nei luoghi aperti quando non sia possibile garantire la distanza di almeno un metro tra le persone, la raccomandazione di lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o igienizzarle con appositi gel disinfettanti e il divieto di assembramento.
    Una volta all’interno sarà necessario mantenere la distanza di un metro nelle aree comuni e almeno di 2 metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo.
    “Nell’interesse della comunità e della propria salute – ricordano dall’Azienda Sanitaria – è quindi auspicabile che i ragazzi che vogliano trascorrere serate in discoteca si adeguino a queste poche e semplici regole che non inficiano in alcun modo lo svago e il divertimento. L’impegno richiesto riguarda anche i gestori o proprietari dei locali che hanno il dovere di predisporre un’organizzazione conforme a quanto previsto dalla normativa in modo da indurre in maniera agevole il rispetto delle misure da parte dell’utenza”.
    Si va dai percorsi separati di entrata e uscita, alla sorveglianza per il rispetto delle regole; dalla regolare e frequente pulizia e disinfezione delle superfici, con particolare riguardo per le quelle maggiormente toccate dagli utenti e i servizi igienici, all’utilizzo della tecnologia per ridurre le file con la prenotazione e il pagamento online del biglietto di ingresso.
    “Noi professionisti della Asl abbiamo ribadito molte volte quanto sia fondamentale il rispetto delle misure anti-contagio – afferma il dottor Maurizio Spagnesi, direttore Dipartimento Prevenzione della Sud Est – ma ripeterlo non fa mai male, soprattutto in riferimento ai giovani che in vacanza tendono a trasgredire maggiormente le regole. Anche se siamo usciti dalla fase acuta dell’emergenza, la situazione non va presa alla leggera, anzi va tenuta alta la guardia. Bisogna fare appello al senso di responsabilità di ognuno, perchè solo con un’unità di intenti e collaborazione potremmo preservare la nostra salute e le nostre strutture ospedaliere dal ritorno di una nuova ondata pandemica”