mercoledì, Dicembre 7, 2022

Droga. Un arresto in centro a Montevarchi

Arrestato a Montevarchi, in centro storico, un quarantenne per detenzione ai fini di spaccio e coltivazione di sostanza stupefacente. L’operazione è stata portata avanti dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno. L’uomo è stato trovato in possesso di un quantitativo di droga tale da presumere che lo stesse detenendo ai fini di spaccio. L’intervento dei militari dell’Arma è giunto nel corso di uno dei consueti servizi di controllo del territorio, effettuati per vigilare sulla sicurezza dei cittadini. Particolare attenzione è rivolta alle aree più impegnative del territorio valdarnese, tra cui, appunto, il centro urbano di Montevarchi.
Durante la perlustrazione, ai Carabinieri non è sfuggito l’atteggiamento guardingo del 40enne, già noto alle forze dell’ordine per analoghi trascorsi penali. Quanto ha visto l’auto di servizio, con la sua bicicletta, ha cambiato bruscamente direzione, allontanandosi. I militari, insospettiti dall’anomala manovra, hanno quindi deciso di effettuare un controllo e si sono messi alla sua ricerca. L’uomo è stato poi intercettato mentre, a bordo della propria bici, cercava una via di fuga. Dopo averlo fermato, è scattato il controllo, che ha confermato le intuizioni degli uomini in divisa. Nonostante un vano tentativo di occultare lo stupefacente, il 40enne è stato infatti trovato in possesso di due dosi di eroina, confezionate e pronte per la vendita. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito poi di recuperare altra sostanza stupefacente: 58 grammi di marijuana già essiccata, pronta per la vendita; una dose di hashish, di circa gr. 0,5; 3 piante di cannabis, già cariche di infiorescenze; un bilancino di precisione e fertilizzante per la coltivazione della cannabis.
Di fronte al palese quadro indiziario, è scattato l’arresto in flagranza per detenzione ai fini di spaccio e coltivazione di sostanza stupefacente. La droga è stata sequestrata e verrà sottoposta alle previste analisi chimiche, dalle quali sarà possibile determinare l’intensità del principio attivo, e, conseguenzialmente, il numero di dosi che avrebbero potute essere illegalmente commercializzate, con riferimento alle piante di cannabis.