5 Dicembre 2020 - 00:18

Parte in serie C2 l’avventura della Zorba calcio a 5: una squadra fuori dal comune

Negli sport dilettantistici ci sono migliaia di ragazzi e di societa’ che grazie alla voglia di mettersi in gioco e di inseguire una passione, ogni settimana preparano borsa e scarpini per andare ad allenarsi, e poi, a giocare la partita di campionato. Succede poi nel nostro Valdarno, qualcuno che alla passione per lo sport aggiunge la solidarietà e la sensibilizzazione verso temi ben più importanti. E’ il caso della Zorba calcio a 5, giovane societa’ che ha deciso di rinunciare al classico sponsor impresso sulle magliette per sposare una nobile causa, quella di sensibilizzare ad una patologia, la Sla, che nella sola provincia di Arezzo conta circa 50 malati e della quale ancora non esiste una cura.
La squadra che gioca nel campionato di serie C2 di calcio a 5, Venerdi’ 16 Ottobre ha esordito al palagalli di San Giovanni Valdarno contro il San Giovanni calcio a 5. Il finale di 9 a 4 per i sangiovannesi pero’ e’ andato in secondo piano, perchè la Zorba, ha come obiettivo non solo quello di portare a casa un buon risultato, ma anche di mettere in primo piano il tema del sociale, del promuovere lo sport inteso anche come forma di contriuto per gli altri non è un caso infatti la collaborazione nata tra la squadra la Aisla di Arezzo.
Le maglie da gioco con lo slogan “Io sostengo Aisla Arezzo” che saranno indossate nei palazzetti di tutta la Toscana dove scenderà in campo la squadra allenata da Cristian Solaini hanno lo scopo di sostenere ed essere testimonial di questa importante associazione. Lucia Mealli Pres. Aisla Arezzo ha dichiarato: ”E’ stata una piacevole sorpresa essere contattati dalla Zorba, che con questo contributo da luce ad una malattia rara ma che e’ putroppo presente nel territorio. Le nostre attivita’ causa Covid-19 si sono stoppate. Ma è anche grazie a queste iniziative e al contributo che Zorba calcio a 5 ci ha dato e ci darà, che troviamo la forze per continuare a dare assistenza ai malati e alle loro famiglie, con nuove iniziative in futuro e con il costante supporto che giornalmente cerchiamo di dare a chi vive ogni giorno questa malattia.” Molto soddisfatto infine anche Claudio Magherini responsabile di Calcio a 5 Zorba Onlus: “Abbiamo deciso di intraprendere questa iniziativa per sensibilizzare a questa malattia tutta la provincia di Arezzo e Siena, zone dove giocheremo questa stagione. Un grazie va a tante persone che ci hanno consentito di rinunciare allo sponsor sulla maglia per lasciar spazio ad Aisla Arezzo”.

Lapo Verniani
Redattore