28 Novembre 2020 - 05:30

La Conferenza dei Sindaci alla Asl: “Ascoltate la voce di chi rappresenta i disagi dei cittadini”

Una serie di richieste all’azienda sanitaria Toscana Sud Est, invitata ad ascoltare decisamente le istanze di chi rappresenta i cittadini, che stanno segnalando agli amministratori locali una serie di problematiche di non poco conto sul Covid. La dura presa di posizione è della Conferenza dei Sindaci del Valdarno, che nel corso dell’ultima riunione ha rivolto un appello accorato alla Asl. “Comprendiamo bene il momento assolutamente complesso che stiamo vivendo, ma se vogliamo affrontarlo al meglio è necessario che l’azienda sanitaria  ascolti la voce di chi rappresenta le difficoltà dei cittadini – hanno detto i sindaci -. Quotidianamente riceviamo complessivamente centinaia di segnalazioni di chi non riesce ad ottenere risposte su come comportarsi, sul tracciamento o sui referti. Peraltro ricostruire celermente la rete dei contatti permette di contrastare più efficacemente la diffusione del virus. Ci vengano dati strumenti per poter veicolare queste segnalazioni all’azienda in modo da recuperare i bisogni di chi è stato lasciato a sé stesso”.
La Conferenza dei Sindaci ha affrontato anche due temi sensibili: Residenze Sanitarie Assistite e scuole, strutture per le quali servono strumenti ad hoc per salvaguardare da un lato la salute delle persone più fragili, dall’altro un servizio che è di un’importanza basilare. “Va chiarita velocemente qual è l’operatività delle diverse Rsa sulla gestione dei casi Covid e soprattutto conoscere i luoghi idonei che, in base all’ordinanza del Presidente della Regione, devono accogliere adeguatamente i degenti positivi”. Degenti che, hanno ricordato i primi cittadini, non possono restare nelle strtutture perchè potrebbero diffondere il contagio. “Per quel che concerne la scuola – ha aggiunto la Conferenza – è necessario che le classi che sono state oggetto di diffusione del virus vengano trattate in modo omogeneo, dato che oggi riscontriamo numerosi casi in cui gli alunni dello stesso gruppo vengono gestiti in tempi diversi e con modalità diverse, ingenerando ulteriore confusione”. Un’ultima indicazione ha riguardato il potenziamento della comunicazione verso i cittadini per far comprendere al meglio i percorsi da intraprendere. I Sindaci del Valdarno hanno infine rinnovato a tutti l’invito a rispettare le regole fondamentali: mascherina, distanziamento sociale, igienizzazione delle mani. “La situazione si sta aggravando – hanno concluso – ed è necessario un impegno congiunto forte per salvaguardare la salute della nostra vallata”.

Marco Corsi
Direttore Responsabile