16 Gennaio 2021 - 15:31

Il sindaco di Cavriglia ricorda Maurizio Gori, morto sul lavoro stamani a Figline. Abitava a San Cipriano

Era di Cavriglia il 58enne che ha perso la vita questa mattina a Figline per un incidente sul lavoro avvenuto in zona Lagaccioni. Maurizio Gori, questo il suo nome, è rimasto schiacciato da un muletto. Una tragedia che ha scosso soprattutto la comunità di San Cipriano, dove l’uomo risiedeva. Lo ha voluto ricordare il sindaco Leonardo Degl’Innocenti o Sanni.
“È un altro giorno tragico per la nostra comunità – ha detto – . Questa mattina infatti un amico, un lavoratore, un imprenditore del nostro territorio è morto a causa di un incidente sul luogo di lavoro nel comune di Figline-Incisa, in Via Brodolini: Maurizio Gori. Una notizia drammatica che giunge in un periodo così difficile e complesso come quello legato alla pandemia, all’indomani tra l’altro dei funerali del compianto ed amato Don Foresto Bagiardi, seppellito a San Cipriano, luogo di residenza anche dell’amico Maurizio”.
“Saranno le autorità competenti a fare luce sull’esatta dinamica dell’incidente che ha portato alla morte di Maurizio – ha aggiunto Sanni -, però mi sento di abbracciare con tutto il cuore la moglie, la famiglia e in particolare il figlio Riccardo, che ha collaborato con me professionalmente e con il quale abbiamo avuto importanti esperienze assieme. È sempre difficile e drammatico rapportarsi alla morte, lo è ancora di più se questa sopraggiunge sul lavoro, un luogo sacro, in cui l’uomo dovrebbe nobilitarsi e non trovare la fine dei propri giorni. Saremo un paese davvero civile quando avremo azzerato le morti sul lavoro ed avremo evitato tragedie come quella che oggi ha scosso tutta la nostra comunità e tutto il Valdarno con la scomparsa del caro Maurizio, che lascia un vuoto incolmabile in tutti noi”.