19 Gennaio 2021 - 22:31

Giulia Coppi si dimette dal gruppo “Alleanza per Bucine”. Botta e risposta

Ha generato polemiche la decisione della consigliera comunale della lista civica “Alleanza per Bucine” Giulia Coppi, che questo mese di dicembre ha rassegnato le sue dimissioni. Una scelta fortemente criticata dal gruppo, che ha provocato la successiva replica della stessa consigliera.
La lista aveva parlato di mancato preavviso. “Siamo dispiaciuti di questa scelta ed allo stesso tempo molto delusi – aveva sottolineato, nei giorni scorsi, Alleanza per Bucine – . Ma in qualità di persone che hanno l’onere e l’onore di rappresentare le istituzioni, ci corre l’obbligo di rispettare la decisione della consigliera Coppi, la quale ha assunto una decisione totalmente legittima da un punto di vista giuridico ed amministrativo”.
Il gruppo di opposizione aveva poi parlato di “schiaffo agli elettori”. “La consigliera Coppi infatti è stata eletta in questa lista, ha sottoscritto un programma elettorale ed un simbolo, firmando un progetto politico e ricevendo un mandato preciso dagli elettori. In politica si può cambiare idea, certamente, ma il rispetto degli elettori deve essere al primo posto per chi si presta alla rappresentanza istituzionale: se le decisioni assunte rimarranno queste, a parer nostro qualcuno il rispetto dei cittadini che ci hanno votato, non l’ha avuto”.
La minoranza aveva infine ricordato che la lista è composta da persone che hanno aderito ad un progetto politico. ” I rappresentanti in aula possono cambiare nel tempo, ma lo spirito è e deve essere quello per cui si lavora tutti insieme, confrontandosi e discutendo vivacemente se necessario, ma sempre e soltanto nell’interesse generale.
Vogliamo porgere le nostre scuse ai quasi 2000 cittadini che hanno riposto in noi la loro fiducia e specialmente a quella parte di concittadini che hanno espresso la loro preferenza alla consigliera Coppi Giulia esclusivamente perché era inserita nella lista Alleanza per Bucine”.
“Non è mia intenzione entrare in inutili e sterili polemiche ma, come riconosciuto nelle prese di posizione del gruppo, la mia decisione è pienamente legittima da un punto di vista giuridico ed amministrativo”. Questa la replica di Giulia Coppi in seguito alle sue dimissioni.
“Ciò che non posso condividere – ha aggiunto – è il giudizio “morale” contenuto nelle prese di posizione del gruppo Alleanza per Bucine, espresso nella frase “schiaffo agli elettori” che io avrei inferto con le mie dimissioni dal gruppo consiliare: la lista era nata, si era presentata e si era connotata con caratteri prettamente civici, elemento che mi aveva spinto ad accettare con convinzione la candidatura e, conseguentemente, l’incarico di consigliere. Con il passare del tempo – ha aggiunto – i massimi rappresentanti della lista hanno smarrito progressivamente questo spirito ed hanno fatto assumere alla compagine un ruolo politico da me non condivisibile, con atteggiamenti e contenuti che si richiamano esplicitamente allo schieramento di centro destra a livello nazionale e che ben poco hanno a che fare con una lista civica comunale”.
“Il paventato gruppo di lavoro, secondo qualcuno, è costituito da molte persone che dedicano una parte del loro tempo nell’interesse della comunità, in cui si lavora tutti insieme confrontandosi e discutendo vivacemente se necessario, ma sempre e soltanto nell’ interesse generale – ha proseguito Giulia Coppi -. Ebbene, purtroppo non sono riuscita a verificare tutto questo spirito di gruppo, ma solo una forte e connotata identità politica portata avanti da poche persone”.
“Conseguentemente, se pur ritengo legittimo che si porti avanti un azione politica affine ai partiti di appartenenza, ho dovuto constatare che tale “svolta” purtroppo contrasta con il patto iniziale al momento della nascita della lista civica Alleanza per Bucine – ha precisato -.Proprio per questo impegno civico e non nella rappresentanza di un simbolo politico, mi sono esposta personalmente nella ricerca delle preferenze. Ritengo perciò di non dover alcuna scusa, né ai cittadini che hanno votato la lista, né tanto meno alle elettrici ed agli elettori che mi hanno votato, che non hanno riposto la loro fiducia nella rappresentanza di un simbolo, né tanto meno in una lista con origine e matrice politica”.
Giulia Coppi ha confermato che proseguirà la sua attività consiliare portando avanti le idee per le quali è stata votata.

Marco Corsi
Direttore Responsabile