martedì, Novembre 29, 2022

Celebrazioni per l’anniversario della nascita di Dante, polemiche a Figline Incisa fra FdI e Amministrazione Comunale

“È gravissimo che il Comune di Figline Incisa non sia stato inserito nel programma ‘Le vie di Dante’, progetto realizzato in occasione dei festeggiamenti per i 700 anni dalla nascita del Sommo Poeta che prevede la promozione di percorsi, prodotti e iniziative locali”:così gli esponenti di Fratelli d’Italia Enrico Venturi, Valentina trambusti e la capogruppo in Consiglio Comunale Giorgia Arcamone accusano l’Amministrazione Comunale di essere stata esclusa dagli itinerari organizzati per celebrare l’anniversario della nascita dell’Alighieri.
“Ricordiamo, infatti,- prosegue FdI- come il Comune di Figline è nominato all’interno della Divina Commedia nel canto XVI del Paradiso così come anche Gaville nel canto XV dell’Inferno. Dopo la marchiana dimenticanza dell’anniversario della morte e della nascita di Marsilio Ficino, la mancata partecipazione del nostro Comune a questa importante iniziativa conferma come questa Giunta sia poco sensibile al tema della Cultura e di quanto abbia poco a cuore la promozione del nostro territorio.Se questi sono i presupposti con cui la Giunta intende spendere la somma di denaro ‘a più zeri’ destinata alla Cultura nel bilancio previsionale 2021 c’è poco da stare tranquilli. Difatti, ogniqualvolta si presenta l’occasione, il tema dei grandi investimenti in Cultura viene ‘sbandierato’ ai cittadini senza indicare effettivamente a quali progetti si intenda aderire o realizzare, tenendo conto poi che la parte preponderante della cifra indicata nel bilancio è da destinarsi alla manutenzione del Teatro Garibaldi. Assolutamente, invece, risibile la somma di denaro destinata alla promozione del territorio.In conclusione- terminano Venturi, Trambusti ed Arcamone- un altro fallimento politico della Giunta Mugnai che taglia fuori il nostro Comune dagli itinerari culturali fondamentali anche per la ripresa economica.”

Ed è arrivata la risposta dell’assessore alla Cultura Francesca Farini.”Noi abbiamo dedicato la stagione estiva del “Giardino di Alceste” a Dante con le letture nelle frazioni, grazie al lavoro dell’ Ufficio cultura svolto in tempi record e in una situazione di emergenza sanitaria e che ha visto più di 250 spettatori nelle 5 serate realizzate, ascoltando i canti dalla voce di Mario Pietramala.Anche per il 2021 siamo già al lavoro per la programmazione degli eventi culturali con spirito positivo e pur nella incertezza della situazione che ci troveremo ad affrontare.
Per questo ringrazio Andrea Niño Torres Cardinali che riporta correttamente il lavoro fatto ad agosto per poter essere inseriti nel progetto ‘Il cammino di Dante’.Purtroppo non é stato possibile a causa della deviazione troppo importante che Gaville comportava dal percorso deciso.Invece siamo già dentro al progetto del Cammino di San Gualberto,fondatore dei Vallombrosani- prosegue Farini- con gli altri Comuni coinvolti e l’associazione Il Pellegrino.L’ufficio Marketing e cultura ha affrontato un anno molto difficile e complicato non essendo possibile svolgere eventi in presenza e con un pubblico numeroso, ma grazie alle professionalità che ci sono, siamo riusciti ad organizzare eventi come l’Arena estiva, i laboratori in biblioteca per i bambini e per gli adulti, i video per celebrare il 25 aprile e il 2 giugno, ed eravamo pronti per poter riaprire le porte del Teatro, Garibaldi e Vivaio, per eventi da realizzarsi da ottobre, ma purtroppo siamo stati ri- sospesi di nuovo.Stiamo lavorando con l’ idea che nessuno si debba sentire ‘culturalmente escluso’, quindi più eventi nelle nostre frazioni e per tutti i gusti e le età.Se l’ignoranza culturale può essere combattuta, la superficialità di certe persone no e prima di riportare notizie non corrette bisognerebbe informarsi dei lavori che vengono portati avanti dagli uffici, soprattutto se si é un Consigliere comunale.Se si desidera consigliare, suggerire o anche criticare il lavoro fatto- termina l’assessore Farini- ben venga ma si sia sempre consapevoli che spesso, dietro ed oltre una critica politica, ci sono le professionalità altrui ed é corretto averne pieno rispetto.”

Serena Paoletti
Serena Paoletti
Redattrice