domenica, Novembre 27, 2022

Crolla il fienile de “La Vita è bella”. E parte un appello a Benigni per contribuire al restauro

“La vita è bella” è stato uno dei capolavori cinematografici di Roberto Benigni ed è stato girato in gran parte nell’aretino, tra il Valdarno, Arezzo e il Casentino. Una delle celebri location del set, il fienile all’interno del quale il celebre attore accoglieva l’arrivo di Nicoletta Bruschi al grido di “buongiorno principessa!”, è crollato sotto il peso del tempo e delle intemperie ed è stato rivolto un appello proprio a Benigni perché contribuisca al restauro. La struttura si trova a Castiglion Fibocchi, ed è di proprietà della Fraternita dei Laici. La famosa scena del film che tutti ricordano è quando L’attore toscano accoglie la sua principessa Dora che cade dal fienile con la famosa frase, pronunciata in perfetto dialetto toscano.
“Quanto accaduto è una ferita culturale ed economica – ha detto Pier Luigi Rossi primo rettore della Fraternita dei Laici sulle colonne del quotidiano La Nazione – . Avevamo già predisposto un progetto per la ristrutturazione di questi immobili e contiamo entro pochi mesi di aggiudicare i lavori e iniziare il restauro”. Adesso la zona verrà messa in sicurezza, alcuni interventi sull’abitazione erano già stati effettuati come la rimozione delle tegole del tetto che erano pericolanti.
“Ci appelliamo alle istituzioni in primis alla Regione Toscana – ha aggiunto Rossi – ma anche allo stesso Roberto Benigni e a tutti coloro che amano questa film. Qui purtroppo per un restauro completo servono tanti soldi, circa 2 milioni e mezzo di euro e la Fraternita da sola non può farcela.” La speranza è che “il cuore ‘toscano’ di Roberto Benigni e di tutti coloro che amano questa straordinaria pellicola, si sciolga di fronte a questa ferita e così come Guido raccolse la sua principessa che cadeva da quel fienile, qualcun’altro faccia altrettanto con questo accorato appello”.

Marco Corsi
Marco Corsi
Direttore Responsabile