26 Febbraio 2021 - 07:39

San Giovanni ricorda la partenza dei volontari alla guerra di liberazione

Il Covid non ferma le celebrazioni, anche se organizzate in maniera decisamente diversa. E’ il caso di una cerimonia che, ogni anno, si celebra a San Giovanni per ricordare la partenza dei volontari alla guerra di liberazione. Domani al sacrario di Palazzo d’Arnolfo, si svolgerà la 76esima manifestazione nazionale per non dimenticare le centinaia di giovani partigiani che si arruolarono volontari nel rinato esercito italiano e andarono a combattere nella brigata Friuli per la liberazione degli altri territori italiani occupati dai nazifascisti sul fronte del Senio.
San Giovanni ricorda e celebra questo avvenimento dal 1946 con un’iniziativa di grande risonanza che ha sempre visto la presenza di alte autorità istituzionali e militari con rappresentanze regionali, provinciali, comunali e di associazioni partigiane combattentistiche provenienti da varie parti della Toscana ed anche da altre regioni.
Purtroppo quest’anno a causa delle restrizioni sanitarie, la manifestazione sarà diversa. Inizierà alle ore 11 con il saluto del sindaco di San Giovanni Valentina Vadi e del presidente dell’Anpi Valdarno Giuseppe Morandini. Dopodiché si terrà la deposizione delle corone ai caduti presso il sacrario di Palazzo d’Arnolfo.