domenica, Novembre 27, 2022

Sangiovannese. Buon punto a Piancastagnaio. Sull’Amiata finisce 1-1

Pareggio importante e meritato della Sangiovannese, che ha impattato 1-1 sul campo della Pianese. Dopo aver subito il goal dello svantaggio ad inizio gara, gli azzurri hanno reagito con orgoglio, pareggiando alla mezzora. Nella ripresa un po’ di sofferenza nella prima parte. Poi l’espulsione di Islamaj ha consentito agli uomini di Iacobelli di giocare in superiorità numerica l’ultimo quarto d’ora e ci poteva scappare anche la vittoria. Ma il pari rispecchia fedelmente quanto visto in campo.
Parte forte la squadra amiatina e l’ex di turno Kondaj dopo soli due minuti impegna Cipriani, che salva il risultato. Al 4° i padroni di casa passano in vantaggio su azione di contropiede. Arras si invola e conclude a rete, para il portiere azzurro ma sulla respinta Marino mette la palla in rete. Valdarnesi già sotto. Reagisce la Sangiovannese e al 9° un gran tiro di Gerardini finisce fuori di poco. Al 17° pasticcio della difesa della Pianese con il portiere Wroblewski che rinvia male e la sfera sbatte su Lunghi rotolando oltre la linea di porta. Riesce ad evitare la rete lo stesso numero uno senese che blocca la palla prima che termini in fondo al sacco. Cresce la formazione di Iacobelli e al 26° un colpo di testa di Lunghi su angolo finisce fuori di pochissimo. Meriterebbe il pareggio la Sangio che arriva al 33°. Un fallo di mano in area amiatina viene sanzionato dal direttore di gara che assegna il penalty. Dal dischetto, con una botta centrale, Falomi non sbaglia. 1-1. Il tempo si chiude in parità. Nella ripresa poco da segnalare fino al 9°, quando Cipriani compie un autentico miracolo su una battuta a botta sicura di Mengali dal limite. Attacca la squadra di casa, ma gli azzurri reggono. Alla mezzora la Pianese rimane in dieci. Il direttore di gara sventola il cartellino rosso ad Islamaj per un brutto fallo su Mencagli. Quattro minuti dopo gli azzurri hanno l’occasione per il raddoppio. Tiro di Fantoni, respinge Wroblewski e Falomi non arriva sulla ribattuta per pochi centimetri. E’ l’ultima emozione della gara che finisce 1-1. Giusto così.