19 Aprile 2021 - 21:56

Vaccini nei luoghi di lavoro. Confindustria Valdarno: “Anche le nostre imprese hanno risposto in gran numero”

Sono oltre 7.000 le aziende italiane che si sono messe a disposizione per vaccinare i propri dipendenti direttamente sul posto di lavoro. E tra queste, non mancano realtà produttive della vallata. Lo ha annunciato il presidente del gruppo imprenditori Valdarno di Confindustria Toscana Sud Egisto Nannini (nella foto in alto). “Le nostre imprese hanno risposto in gran numero – ha detto -, mettendo a disposizione i propri capannoni ed uffici e dimostrando grande senso di responsabilità, attenzione ed operosità verso tutta la comunità. Nella situazione di emergenza causata dall’epidemia Covid – ha aggiunto Nannini – il nostro tessuto imprenditoriale è stato capace, in maniera rapida, di far fronte comune, mettendo al primo posto la vita e l’orgoglio di servire la propria comunità. A questo punto – ha sottolineato – Confindustria invierà tutte le informazioni raccolte al Commissario Straordinario che provvederà ad individuare le realtà da coinvolgere in via prioritaria, in attesa che venga definito un protocollo nazionale per le vaccinazioni in fabbrica, così da essere pronti quando la fornitura di vaccini andrà finalmente a regime”. Il presidente di Confindustria Valdarno ha ricordato che l’associazione, a tutti i livelli, in questi mesi si è fatta portavoce della necessità di rafforzare la campagna vaccinale nazionale proponendo l’utilizzo anche degli spazi in disponibilità alle imprese. “A fronte del dialogo con il Commissario Straordinario per la gestione dell’emergenza, Generale Figliuolo – ha precisato -, è stata promossa una mappatura degli spazi che le imprese operanti sul territorio nazionale metteranno al servizio del paese in questa delicata fase emergenziale. L’indagine si è conclusa con l’adesione di oltre 7.000 realtà imprenditoriali sul territorio nazionale, che hanno confermato lo spirito di servizio verso l’Italia e hanno dato la disponibilità dei propri spazi nell’ambito del piano nazionale di vaccinazione anti Covid”.

Marco Corsi
Direttore Responsabile