6 Maggio 2021 - 15:06

Manifestazione dei ristoratori nel tratto valdarnese dell’A1. Traffico bloccato e code anche sulla viabilità ordinaria

Si è conclusa attorno alle 14.30 la manifestazione in A1 dei ristoratori, che stamani dalle 9.30 ha costretto alla chiusura  del traffico il tratto tra Firenze Sud e Incisa verso Roma e Valdarno – Incisa verso Bologna.
All’interno dei tratti chiusi il traffico è rimasto bloccato e si sono formate code lunghissime.
A protestare sono stati i  ristoratori di Tutela Nazionale Imprese Italia che chiedono di tornare ad aprire i locali a pranzo e cena e giudicano iniqua la possibilità di lavorare solo all’esterno.
“Ci sono imprenditori – ha spiegato il presidente di Tni Pasquale Naccari – gente stanca di subire, che vorrebbe riaprire e tornare a lavorare, rispettando i protocolli di autogrill e mense. Vorrebbero lavorare e non all’esterno col freddo”.
Nell’elenco delle richieste dei partecipanti alla manifestazione #blocchiamolitalia figurano inoltre l’abolizione del coprifuoco, del distanziamento di 2 metri nei locali, con la possibilità di far sedere allo stesso tavolo anche i frequentatori abituali e non più solo i congiunti, cancellazione del pagamento solo con il pos. E ancora voucher emergenziali per la categoria, moratoria della legge Bersani fino al 2023, abolizione del tetto del 30 per cento per gli indennizzi ed esonero della richiesta del Durc.

Momenti di tensione quando un’automobilista ha forzato il blocco, urtando uno dei manifestanti che, come è stato specificato dagli stessi promotori della protesta, ha riportato per fortuna solo una contusione a una spalla. Il conducente è stato fermato, identificato e denunciato per lesioni volontarie dalla Polizia Stradale di Firenze Nord.

Chi era in viaggio verso Roma è dovuto uscire a Firenze sud rientrando in autostrada a Valdarno dopo aver percorso la viabilità ordinaria.
Sul posto il personale di Autostrade per l’Italia e la Polizia Stradale. Caos anche sulla viabilità ordinaria. Le immagini si riferiscono a via Poggilupi, zona casello Valdarno, alla zona del casello di Incisa, a Pian di Rona e in via degli Urbini. Insomma, un lunedì infernale per gli automobilisti.