13 Giugno 2021 - 02:25

Scultura, nasce a Cavriglia un parco d’arte dedicato alle vittime del Covid

Un immenso Parco d’Arte a cielo aperto dedicato alle vittime del Covid in Italia e nel mondo. Nascerà a Bellosguardo di Cavriglia nell’ambito di “Pietra Sublime”, Simposio di scultura monumentale con 12 artisti in arrivo da tutto il mondo per scolpire blocchi in travertino alti quasi tre metri.
L’evento, con l’alto patrocinio e il contributo della Regione Toscana e del Parlamento Europeo, è organizzato dall’amministrazione comunale di Cavriglia in collaborazione con l’Associazione Internazionale Eventi di Scultura Monumentale e il supporto tecnico della Sicureco.
Alla base della seconda edizione della manifestazione la volontà di evidenziare il ruolo dell’arte e della scultura come strumenti di bellezza e dialogo tra i popoli, ma anche di ricordare le vittime del Covid in Italia e nel mondo: l’obiettivo è quello di lasciare una testimonianza forte di rinascita attraverso l’arte dopo il difficile periodo legato alla pandemia.
Il Simposio sarà inaugurato il 30 maggio (anche se gli scultori saranno presenti fin dal 26 di questo mese) e si chiuderà il 13 giugno: durante questo periodo i 12 scultori, provenienti da Italia, Slovenia, Spagna, Austria, Germania, Olanda, Armenia, Giappone, Cina, Iran e Corea del Sud, lavoreranno nella zona che poi ospiterà le creazioni. Previsti incontri con gli artisti e appuntamenti culturali.
La presentazione ufficiale di “Pietra Sublime” è avvenuta oggi in Regione alla presenza del Governatore Eugenio Giani.
“L’edizione 2021 del Simposio Internazionale di Scultura Pietra Sublime che riparte dopo un anno di stop a causa della pandemia – ha affermato Giani. E’ un grande segnale di rinascita per Cavriglia e per il Valdarno, per gli artisti che vi parteciperanno e per tutti coloro che vorranno cogliere quest’occasione per vedere all’opera scultori di caratura internazionale. Un’occasione unica, pensata all’insegna non solo della bellezza ma anche del dialogo tra i paesi e dello scambio culturale che arricchisce la comunità e, nel contempo, permette a tutti di riflettere sul ruolo dell’arte”.
“Non è stato semplice organizzare un evento di questa portata al tempo del Covid – ha sottolineato il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni – ma è proprio pensando alle vittime della pandemia e a tutti coloro che ne hanno sofferto che abbiamo voluto far nascere questo Parco d’arte, come messaggio di rinascita attraverso l’arte e la bellezza. Cavriglia sarà per due settimane al centro dell’attenzione artistica internazionale. Le bellissime sculture, una volta realizzate, contribuiranno poi a dare maggior pregio a un’area che già per la nostra comunità è un fiore all’occhiello sotto il profilo ambientale e che presto sarà ulteriormente valorizzata con lo sviluppo di ulteriori progetti”.