19 Settembre 2021 - 01:16

Le insidie del web per i ragazzi. Convegno domani a Firenze sul “Patentino digitale”

Il rapporto fra i ragazzi e il mondo del web, talvolta irto di insidie, può diventare pericoloso. E’per questo che la Regione Toscana sta portando avanti da qualche tempo un percorso formativo, rivolto agli studenti delle prime classi delle scuole secondarie di primo grado, per ottenere una sorta di ‘abilitazione di navigatore esperto’. Questo sarà l’argomento al centro del seminario “Patentino digitale, media education nelle scuole toscane” che si terrà domani, giovedì 29 luglio alle 11, nella sala Gonfalone a Palazzo del Pegaso a Firenze.Il progetto è finalizzato a trasmettere ai ragazzi le competenze minime necessarie per navigare in rete e sui social network con consapevolezza e responsabilità e per definire un uso autonomo e personale della rete. Al termine del percorso ai ragazzi verrà rilasciato il patentino digitale.
Tra l’altro nel 2019 è stata realizzata una sperimentazione del progetto in presenza in tre istituti scolastici della Toscana, fra i quali quello di Figline Valdarno. Nel 2020 è stata effettuata una seconda sperimentazione in altre tre scuole. Fra queste c’è anche quella di Cavriglia in modalità a distanza. A partire dal prossimo anno scolastico la proposta è quella di mettere a regime il progetto sempre in modalità a distanza e diffonderlo su ampia scala nelle prime classi delle scuole secondarie di primo grado in Toscana che sono 425 in un arco di tempo triennale.
Al convegno di domani porteranno i saluti il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo, il commissario dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Antonello Giacomelli, gli assessori regionali all’istruzione Alessandra Nardini e al digitale Stefano Ciuoffo, la presidente dell’istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida e il presidente del Corecom Toscana Enzo Brogi.Interverranno inoltre Elettra Pinzani del Corecom Toscana, Sara Ferruzzi dell’istituto degli Innocenti, Roberto Curtolo dirigente dell’ufficio scolastico regionale e poi rappresentanti delle scuole e amministratori locali della sperimentazione 2020/2021. Le conclusioni sono affidate al presidente della Toscana Eugenio Giani e alla sottosegretaria alle politiche per il digitale Anna Ascani.

Serena Paoletti
Redattrice