giovedì, Dicembre 9, 2021

Fabrizio Gatti con una vera inchiesta sulla pandemia tra gli ospiti della seconda giornata del Moby Dick Festival

Si è chiusa con un interessante indagine sulla pandemia, elaborata dal giornalista e scrittore Fabrizio Gatti la seconda giornata del Moby Dick Festival di Terranuova. Gatti ha infatti presentato il suo libro “L’infinito errore”, la storia segreta di questo dramma sanitario ed economico che ha colpito tutto il mondo. Grazie ad una serie di testimonianze e ad informazioni inedite, tra cui l’analisi di oltre diecimila documenti e l’accesso alle banche dati che registrano l’identità genetica dei virus, Gatti ha realizzato una vera e propria inchiesta sulle origini del Covid e ne ha parlato sul palco del Moby Dick: si è così spaziato dai pipistrelli ai laboratori cinesi, dai centri di ricerca americani, australiani e francesi, fino alle nostre città, ai nostri ospedali, alle nostre vite e alle nostre vittime.

Uno stralcio del suo intervento introdotto da Paolo Martini

Nel pomeriggio coinvolgente e ricco di significati anche l’incontro con il regista e sceneggiatore Marco Bechis, che ha vissuto a lungo in Argentina e ha raccolto in un libro il dramma che ha vissuto nel 1977. Era il 19 aprile e all’uscita di scuola a Buenos Aires – allora aveva 22 anni – fu sequestrato da un gruppo di militari in borghese e portato in un carcere clandestino. Dopo quattro mesi fu rilasciato ed espulso dal paese sudamericano, approdando a Milano. La seconda giornata del Moby Dick si era aperta con Giuseppina Manin, che ha parlato del suo romanzo “Complice la notte” raccontando la storia della grande pianista russa Marija Judina. Il volume parla della vita avventurosa di questa donna e della sua sfida a Stalin. Interessante anche gli incontri con Paolo Ventura, l’inventore dei sogni e con Mircea Cărtărescu, scrittore, poeta, saggista, accademico e giornalista rumeno. La rassegna si concluderà questa domenica con lo scrittore Marco Balzano, con Vittorio Emanuele Parsi, politologo, che parlerà di come la pandemia cambierà il mondo. Sarà poi la volta di Massimo Recalcati, con una Lectio Magistralis. Un evento cinema alla presenza del regista Filippo Meneghetti chiuderà il Moby Dick Festival 2021.