19 Settembre 2021 - 00:46

Ancora truffe online in Valdarno. I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni denunciano 2 persone

I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno inferto un nuovo colpo alle cosiddette e-frauds, ovvero le truffe messe a segno o tentate sul web.
Due gli episodi e nel primo è stato scoperto e denunciato dai militari di Castelnuovo dei Sabbioni un sedicente operatore del servizio clienti di una banca che era riuscito a carpire la buona fede di un giovane residente nella frazione di Cavriglia.
Tutto è iniziato quando la vittima ha ricevuto la telefonata di una persona che, presentandosi come operatore del servizio clienti del suo istituto di credito, ha informato il suo interlocutore di un intoppo di natura burocratica proponendo anche la soluzione. Di lì a breve, ha detto, avrebbe ricevuto via sms le indicazioni per sanare il malfunzionamento e ha convinto il ragazzo a comunicargli le credenziali per l’accesso e l’utilizzo dell’home-banking. Credenziali che nelle ore seguenti, però, sono servite all’autore del raggiro per  disporre un bonifico in proprio favore di ben 11.000 euro.
Appena scoperto l’inganno, il castelnuovese si è rivolto ai militari che, acquisita la denuncia, hanno avviato le indagini e gli accertamenti elettronici e bancari hanno permesso di risalire all’identità del sedicente impiegato, un italiano, deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo per tentata truffa aggravata.
I Carabinieri di Levane, invece, hanno denunciato un napoletano, già noto per precedenti specifici, che durante l’estate – dopo aver creato una pagina internet riproduzione fedele di nota piattaforma di e-commerce specializzata in articoli per la casa – aveva messo in vendita una piscina a un prezzo particolarmente vantaggioso. L’uomo, dopo aver preso contatti con la vittima di turno, era riuscito a farsi accreditare circa 500 euro sul suo conto corrente, salvo poi scomparire nel nulla. Anche stavolta gli uomini dell’Arma sono riusciti a identificarlo attraverso accertamenti elettronici e bancari e a denunciarlo per truffa aggravata.