19 Settembre 2021 - 01:11

Nuovo Teatro Comunale di San Giovanni. In arrivo il progetto definitivo

Nel giro di due mesi sarà pronto il progetto definito di riqualificazione del vecchio cinema Bucci, che diventerà il nuovo teatro comunale di San Giovanni Valdarno. Lo ha annunciato in queste ore l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pellegrini. “Il progetto – ha detto – ha ripreso quello precedente integrandolo con elementi di valore. In sessanta giorni tutta la documentazione sarà sul tavolo del comune. A quel punto predisporremo il progetto esecutivo, andremo alla ricerca dei finanziamenti e poi faremo partire i lavori”. Insomma, i tempi non sono ancora delineati. Quel che è certo è che la nuova struttura, che si affaccia su Corso Italia, sarà trasformata radicalmente, con nuovi pavimenti, impianti elettrici di ultima generazione, poltroncine, restyling del foyer, dei bagni e dei camerini. Senza dimenticare il recupero della scala monumentale. . Quella del vecchio Bucci risulta essere una delle più difficili e travagliate opere degli ultimi decenni. Tra l’altro c’è di mezzo un finanziamento regionale e il teatro dovrà essere gioco forza completato. Si sono tenuti in considerazione anche i temi della sicurezza sismica e ovviamente del sistema antincendio, con un procedimento quindi assai complesso.
Una storia, quella del nuovo teatro che parte dal lontano 2009 quando il comune di San Giovanni Valdarno acquistò lo stabile, inserendolo poi all’interno di un ambizioso progetto di polo culturale integrato che prevedeva la ristrutturazione dell’ex Palazzo del Fascio e dello storico cinema di Corso Italia, grazie ad un finanziamento di circa quattro milioni di euro erogati dalla Regione Toscana. Soldi necessari per dotare la città di un nuovo spazio bibliotecario, che è stato ricavato all’interno dell’ex Casa del Fascio e di un nuovo, moderno, teatro.
Dopo alcune modifiche al progetto iniziale, che prevedeva la realizzazione di un centro polifunzionale proprio all’interno del Bucci, si è optato per un recupero che non stravolgesse completamente l’architettura dell’edifici, che è di grande pregio. Il Bucci venne eretto nel 1949. Inizialmente era ad esclusivo utilizzo degli amanti del cinema. Poi, a metà degli anni sessanta furono eseguiti gli interventi necessari per consentire lo svolgimento di spettacoli dal vivo. Si trasformò così in cinema-teatro, con una capienza di oltre settecento posti a sedere. In futuro sarà il fulcro delle iniziative culturali della città, con un cartellone teatrale di alto livello. Ma per quello bisognerà aspettare almeno il 2022

Marco Corsi
Direttore Responsabile