19 Settembre 2021 - 00:27

Salta il Perdono di Terranuova. Saranno organizzati solo alcuni eventi simbolici

Salta anche per l’edizione 2021 il Perdono di Terranuova, almeno nella sua versione originale. Lo ha annunciato il sindaco Sergio Chienni al termine di un nuovo incontro che si è tenuto stamani con la Prefettura di Arezzo, che fa seguito a quelli che si sono succeduti nel corso di questi mesi.
“Il Perdono – ha spiegato Chienni – si svolgerà solo attraverso alcuni eventi simbolici in modo similare allo scorso anno. Eventi che verranno definiti nel comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica del 15 settembre. Per l’importanza che ha la manifestazione per la nostra comunità, sia da un punto di vista affettivo che economico, abbiamo lavorato fino all’ultimo per cercare di organizzarlo nella versione completa seguendo le prescrizioni e i vari cambiamenti normativi che si sono succeduti fino ad oggi. Purtroppo insieme alla Prefettura abbiamo riscontrato il permanere di alcune criticità non risolvibili, che non ci permettono di garantire il rispetto delle disposizioni vigenti”.
Molti si chiederanno per quale motivo in altri comuni del Valdarno il Perdono si è svolto regolarmente, seguendo normative di sicurezza. Il sindaco Chienni ha provato a rispondere. “Il nostro è, per affluenza, tra le manifestazioni più rilevanti di questo genere nella nostra Regione. Non è un’iniziativa equiparabile a nessuna altra di quelle che si svolgono nella nostra vallata – ha spiegato -. A Terranuova, pur in una situazione particolare come questa, si stima una partecipazione sui cinque giorni di 150.000 persone, nella maggior parte degli altri in media è presumibilmente inferiore alle diecimila. A Terranuova tra banchi, giostre e associazioni si annoverano circa 400 installazioni che sono numericamente anche dieci volte superiori ad altri contesti.
Dispiace da morire, fosse stato anche solo per il desiderio di farlo saremmo andati avanti, ma non possiamo porci nelle condizioni di partire essendo già consapevoli di non garantire ciò che è indispensabile per il rispetto delle attuali norme e per una partecipazione serena”, ha concluso il sindaco di Terranuova.