giovedì, Dicembre 9, 2021

Ivv. Primo incontro a distanza con il Mise. Sarà coinvolta Anna Ascani

E’ stato un incontro interlocutorio, ma un primo passo per affrontare un problema molto serio, che non riguarda solo il Valdarno e le sue imprese. Ieri mattina il presidente dell’Ivv Simone Carresi, insieme al segretario provinciale del Partito Democratico Francesco Ruscelli, ha avuto una ICall con il capo della segreteria del sottosegretario allo sviluppo economico Anna Ascani. Al dottor Marco Bani il numero uno dell’Industria Vetraria Valdarnese ha raccontato quello che è ormai di dominio pubblico, con il costo dell’energia che è triplicato rispetto allo scorso anno e il rischio che, a fine anno, l’azienda debba interrompere la produzione. “Bani ha ascoltato e raccolto anche alcune idee – ha precisato Carresi -. Pur avendo sottolineato che questo settore specifico è in capo al Ministero dello Transizione Ecologica, ha assicurato che riporterà il tutto ad Anna Ascani e ci siamo dati appuntamento nei prossimi giorni per un nuovo incontro”. Nel corso della videoconferenza, il segretario Ruscelli ha poi rinnovato l’invito al sottosegretario di venire all’Ivv anche per conoscere una realtà importante del territorio.
Il caso dell’Ivv è comune a molte altre realtà produttive italiane del settore del vetro che sono “costrette” a tenere i forni accesi 24 ore al giorno. Basti pensare a quello che sta accadendo a Burano, con qualche imprenditore che è già stato costretto a stoppare le macchine. Il caso dell’impresa dell’Oltrarno è poi emblematico. Nei mesi di ottobre, novembre e dicembre pagherà 300.000 euro di bolletta, contro i 100.000 euro del 2020. Numeri che, ovviamente, non sono sostenibili al punto che Carresi, nei giorni scorsi, ha annunciato un blocco della produzione a partire da gennaio se non ci saranno interventi dall’alto. Nelle settimane scorse, insieme ai vertici del Pd aretino, ha incontrato anche il segretario nazionale Enrico Letta, che è stato messo al corrente della situazione. Proprio in quell’occasione è emersa la possibilità di avere un faccia a faccia con la sottosegretaria allo sviluppo economico Anna Ascani per verificare se possono essere trovate soluzioni per fronteggiare questo aumento incontrollato delle bollette energetiche, già a partire dalla prossima legge di bilancio.
Un aumento che arriva per giunta in un momento cruciale per l’economia italiana, con una ripresa in atto. La stessa Iv, dopo aver affrontato gli effetti nefasti di una crisi nazionale del vetro, acuiti anche dalla pandemia, oggi sta cercando, pur con qualche difficoltà e ritardo, di far fronte agli obblighi di risanamento, presentandosi alla ripartenza dei mercati con il pieno dell’operatività. Il mercato del vetro, per giunta, è in ripresa e gli ordinativi, soprattutto esteri, superano già quelli pre-covid. Ma questa mazzata potrebbe avere conseguenze imprevedibili. L’Industria Vetraria Valdarnese è una realtà storica della vallata. E’ stata fondata nel 1952, come una Cooperativa di Lavoratori e da allora ha coniugato ricerca sulla materia, creatività e design con tradizione artigiana , tecniche di produzione avanzate e controllo dei processi. Fortissimo è il legame con il territorio, con la sua eredità di cultura e tradizioni, da sempre fonte di ispirazione per la creatività dell’impresa. Pieno sostegno all’azienda è stato espresso, nei giorni scorsi, anche dall’amministrazione comunale di San Giovanni Valdarno.

Marco Corsi
Direttore Responsabile