lunedì, Maggio 16, 2022

Fimer. Il sindaco di Cavriglia: “La Regione faccia convocare con urgenza un tavolo di confronto al Ministero”

“Occorre che Regione Toscana faccia convocare con estrema urgenza un tavolo di confronto al Ministero dove dovrebbero essere presenti Fimer, parti sindacali, enti locali e anche Abb”. Lo ha detto il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni, presente ieri a Terranuova in occasione della manifestazione a sostegno dei lavoratori della Fimer. Parliamo di 450 dipendenti e di altri 300 nell’indotto.
“La situazione è molto preoccupante – ha detto Sanni – ed ho voluto denunciarlo a chiare lettere: occorre che il Valdarno si mobiliti unito e compatto per evitare nuove situazioni simili a quelle della Bekaert di Figline Incisa. La Fimer deve fare chiarezza con urgenza su quanto intende fare. Ad oggi ci sono oltre centoventi operai in cassa integrazione e quasi tutte le linee di produzione sono ferme per mancanza di materiali che non vengono consegnati a causa di difficoltà economiche. Tutto questo sta accadendo in un momento di forte sviluppo del settore di riferimento, ovvero quello delle rinnovabili sostenuto peraltro da ingenti incentivi statali, dove aziende che lavorano nello stesso comparto hanno visto accrescere il proprio fatturato in maniera esponenziale.
Tali difficoltà – ha aggiunto – generano una serie di enormi disagi a catena che preoccupano fortemente tutta la comunità del Valdarno, compreso quella di Cavriglia, dove insistono alcune aziende che lavorano quasi esclusivamente per Fimer e che sono inquiete. Occorrono risposte certe e con estrema urgenza, non si gioca sulla pelle dei lavoratori e delle loro famiglie ed il Valdarno resterà compatto e coeso per vincere tutti insieme questa battaglia in nome del lavoro e della dignità umana!!!”

Marco Corsi
Direttore Responsabile