lunedì, Maggio 16, 2022

21 dicembre giornata di Masaccio. San Giovanni festeggia con un evento a Palomar

Masaccio, soprannome di Tommaso di Ser Giovanni di Mòne di Andreuccio Cassài è nato a Castel San Giovanni in Altura il 21 dicembre 1401 e fu uno degli iniziatori del Rinascimento a Firenze, rinnovando la pittura secondo una nuova visione rigorosa, che rifiutava gli eccessi decorativi e l’artificiosità dello stile allora dominante, il gotico internazionale. E domani, martedì 21 dicembre, a 620 anni dalla sua nascita, sarà la giornata dedicata al più illustre e conosciuto dei sangiovannesi. A Palomar, la Casa della Cultura di San Giovanni Valdarno, alle 18, si terrà la presentazione del libro di Marco Fidolini “Scritti su Masaccio. Certezze e dubbi” (Edizione Polistampa). Dopo i saluti istituzionali che saranno affidati al sindaco di San Giovanni Valentina Vadi e all’assessore alla cultura Fabio Franchi, la parola passerà all’autore che racconterà la sua attenta indagine dove, per dirla con le sue parole,  “l’occhio  ha un ruolo certamente non secondario che, in parte, si mette di traverso alle dotte, ma spesso aride, conclusioni di una storia dell’arte che sfodera documenti e li brandisce a discapito di alcune analisi artistico-formali e di profondi disegni interiori prepotenti e decisivi nell’opera di ogni grande artista”. Il testo più corposo dell’iniziativa editoriale è tratto da un capitolo scritto alla fine degli anni Ottanta e pubblicato nel volume “Impegno e realtà. Da Masaccio alla Nuova Oggettività”, ma arricchito di altri contributi iconografici e di un’appendice con alcune riflessioni alla luce dei restauri della Cappella Brancacci, ultimati nel 1990, e di qualche ripensamento sulle attribuzioni masaccesche. La raccolta, pur conforme agli scritti già pubblicati in altre occasioni, aggiunge tuttavia alcune integrazioni e minuzie esegetiche insieme a due brevi saggi. Nel rispetto delle disposizione governative, sarà possibile accedere all’evento soltanto esibendo il Green Pass in formato digitale o cartaceo.

Lapo Verniani
Redattore