lunedì, Maggio 16, 2022

Scuola. Sono riprese stamani le lezioni. La situazione all’Isis Vasari di Figline

Nonostante la nuova ondata di coronavirus la scuola è pronta a ripartire, sforzandosi per garantire il più possibile lo svolgimento in presenza delle lezioni. Molte scuole hanno riaperto i cancelli questa mattina, tra queste l’Istituto Vasari di Figline.

“L’attività dell’Istituto Vasari è ripartita stamane mattina in presenza, con tutte le classi. Abbiamo alcuni studenti in remoto, perché durante le vacanze hanno ricevuto provvedimenti di quarantena, ed alcuni sono risultati positivi. – afferma il Dirigente Scolastico Alessandro Papini – Anche alcuni docenti risultano non presenti per ragioni sanitarie; tutti si sono attivati secondo le indicazioni delle USL per rendere possibile il celere rientro. I protocolli di sicurezza sono gli stessi adottati dall’inizio dell’anno; la scuola ha 21 ingressi ed uscite, e quindi c’è un’amplissima diluizione delle presenze nelle zone comuni”.

L’Istituto si è organizzato per garantire al meglio la didattica digitale integrata, che prevede la presenza fisica di alcuni studenti e a distanza di altri: “Le connessioni internet in fibra consentono di gestire numerosi collegamenti contemporanei, e nel mese di dicembre sono stati installati oltre venti nuovi maxischermi per rendere il tutto più agevole. entro il marzo prossimo tutte le aule avranno queste dotazioni digitali avanzate”.

Oltre ai protocolli standard, si attuano ulteriori accorgimenti di prudenza, evitando di svolgere attività di gruppo che coinvolgano studenti di classi diverse, ed anche strutturando le supplenze in modo che siano effettuate da docenti dello stesso indirizzo, sia per ragioni didattiche che sanitarie. – conclude Papini – L’attività laboratoriale viene svolta regolarmente, sia per quanto riguarda il laboratorio di fisica del liceo, che il nuovo laboratorio di scienze e i laboratori tecnici Costruzioni e Agrario. Per l’istituto alberghiero, è in corso di completamento l’installazione dei nuovi arredi e strumenti, quindi le attività pratiche procedono a ritmo ridotto e riprenderanno a regime dalla seconda metà di gennaio.