martedì, Gennaio 25, 2022

Fratelli d’Italia: “Ennesimo pomeriggio da incubo per i pendolari valdarnesi”

Una situazione difficile, con un nuovo pomeriggio da incubo per i pendolari che ogni giorno affollano i treni regionali in Toscana. La denuncia arriva da Giampaolo Giannelli, responsabile provinciale trasporti di Fratelli d’Italia Firenze, che ha ricordato come questa volta, i problemi riguardino soprattutto coloro che dal Valdarno e da Firenze raggiungono Arezzo e viceversa. A causa di un guasto alla linea elettrica che ha interessato il nodo fiorentino, infatti, il traffico ha avuto un drastico rallentamento.
Mentre i tecnici hanno avviato i lavori – ha spiegato – i ritardi hanno iniziato ad accumularsi, superando anche i 60 minuti. La necessità di “lasciare il passo” all’alta velocità crea enorme frustrazione su chi viaggia quotidianamente sulla “linea lenta” e i post si moltiplicano sui social. Post di rabbia, disperazione, frustrazione. Il nuovo sistema ACCM attivato da oltre un mese nel capoluogo toscano, proprio per migliorare la situazione ed evitare problemi di questo tipo, continua a dare con frequenza problemi, con ripercussioni su tutto il traffico ferroviario. E’ l’ennesima dimostrazione del fallimento della triade Regione Toscana-Trenitalia- RFI, assolutamente fallimentare per quanto attiene al trasporto ferroviario regionale – ha concluso Giannelli – Avevamo sottolineano l’importanza di  testare prima per qualche settimana il nuovo sistema, vista la strategica importanza del nodo fiorentino, magari abbinando vecchio e nuovo sistema, in modo da evitare il delirio di oggi e di alcune settimane fa. Ma ovviamente si continua con i problemi e con le soluzioni illogiche. A scapito di chi viaggia sui treni.

Marco Corsi
Direttore Responsabile