martedì, Gennaio 25, 2022

Sabato di premiazioni all’Isis Valdarno, tra ex studenti, docenti e borse di studio intitolate a Gabriele D’Uva

“Isis Valdarno tra passato, presente e futuro”. Questo il titolo dell’iniziativa che si è tenuta questa mattina all’interno dei laboratori Future Lab del plesso scolastico di San Giovanni. Sono stati premiati gli studenti diplomati con merito e gli ex alunni ormai inseriti con successo nel mondo del lavoro. Consegnate inoltre le borse di studio “Gabriele D’Uva”. Un progetto che, ormai da alcuni, vede protagonista l’associazione che porta il nome dell’ ex studente dell’Isis prematuramente scomparso. Il riconoscimento è andato a tre studenti meritevoli: Matilde Martini, Teresa Grifoni e Dario Nocentini. A consegnarlo i genitori di Gabriele, Sonia e Francesco D’Uva. Presenti naturalmente i vertici dell’istituto, con in testa il dirigente scolastico Lorenzo Pierazzi e l’ideatore e il coordinatore dell’evento, il professor Andrea Cantini. Sono stati premiati i diplomati con 100 o 100 e lode e c’è stata la condivisione delle esperienze professionali di ex alunni che hanno intrapreso il loro percorso scolastico tra i banchi della scuola e che adesso, da ogni parte del mondo, portano avanti con successo la propria carriera in svariati ambiti.

Il professor Andrea Cantini ai nostri microfoni 

Come è stato ricordato dai vertici dell’istituto, l’eccellente formazione degli studenti e i loro risultati scolastici non sarebbero possibili senza la grande  professionalità del corpo docente. Stamani è stata quindi l’occasione per conferire il titolo di “Ambasciatrice dell’Isis Valdarno” a due professoresse, Chiara Cheti e Carla Scarpelli. Nonostante siano in pensione da pochi mesi, resteranno autorevoli rappresentanti e portavoce dell’istituto a fronte di anni di onorata carriera.

Le professoresse Chiara Cheti  e Carla Scarpelli ai microfoni di Valdarno 24

L’amministrazione comunale di San Giovanni Valdarno era rappresentata dal Sindaco Valentina Vadi.

“Oggi è una giornata dedicata alla memoria e alle radici dell’attuale Isis Valdarno, un modo di testimoniare le esperienze di un’intera comunità formata da chi ha frequentato questa scuola quando si sviluppava in altre sedi e da chi ha appena concluso il proprio percorso scolastico e sta per intraprendere strade professionali o accademiche – ha spiegato il dirigente scolastico Pierazzi –  Vogliamo nell’occasione ricordare anche la figura di Cristiano Marini della Società Operaia di Mutuo Soccorso , che per anni ha sostenuto il percorso scolastico del nostri studenti dell’indirizzo professionale.”

Alcune immagini della mattinata