giovedì, Luglio 7, 2022

Il sindaco Simona Neri a Cinisi per le iniziative in memoria di Peppino Impastato, a 44 anni dalla sua morte

Il Comune di Laterina Pergine Valdarno è fortemente legato con quello di Cinisi, il paese natale di Peppino Impastato, ucciso barbaramente dalla mafia alla fine degli anni 70. Ieri il sindaco Simona Neri è arrivato nel piccolo paese della provincia palermitana “con il quale da anni abbiamo stretto un patto di amicizia nel nome della legalità e contro tutte le mafie”, ha spiegato. Lunedì 9 maggio ricorrono 44 anni dall’omicidio di Impastato e la Neri prenderà parte ad una manifestazione che viene svolta tutti gli anni e a cui prendono parte associazioni, istituzioni, amici e naturalmente i familiari. Il corteo si snoderà per le vie del paese fino ad arrivare alla sua abitazione , trasformata in casa della memoria.
“Quest’ anno è davvero emozionante tornare qui dopo due anni di stop dovuto alla pandemia” ha ha detto il sindaco di Laterina Pergine Valdarno.
Sono stati organizzati pellegrinaggi nelle campagne di Cinisi, Palermo e Corleone insieme a Filippo Torrigianj e Don Armando Zappolini. “Porterò con me in questo cammino tutti i giovani studenti di Pergine Valdarno che ogni anno studiano il fenomeno delle mafie, studiano l’esempio che ci ha dato il Giudice Falcone e di tutti coloro che hanno fatto della propria vita una missione per la legalità – ha detto la Neri – porterò i saluti dei ragazzi di Laterina a Danilo Sulis che ha condiviso con noi il bellissimo progetto di Radio100Passi, la sua radio, quella di Peppino. È un percorso importante, avviato ormai da qualche anno e che sento mio, sono orgogliosa di aver stretto un legame istituzionale con questa terra, sono felice che tanti piccoli semi di legalità germoglino nei ragazzi delle nostre scuole. Ringrazio, per questo, la sensibilità degli insegnanti con i quali ho condiviso le mie esperienze ed i miei racconti da quaggiù”.

Marco Corsi
Direttore Responsabile