venerdì, Settembre 30, 2022

Vertenza Fimer: manifestazione di lavoratori e sindacati a Vimercate. “Basta tergiversare. Il tempo a disposizione sta terminando”

Andranno a Vimercate, in Lombardia, la città dove si trova la sede centrale della Fimer per gridare a gran voce la loro amarezza per una vertenza che non si sblocca.
Dopo l’incontro al Mise di giovedì in cui la proprietà ha confermato un cambiamento societario che potrebbe mettere in dubbio la sottoscrizione in tempi celeri di un accordo vincolante di esclusiva con uno dei soggetti interessati e la successiva presentazione del piano concordatario, Fim, Fiom e Uilm hanno indetto per venerdì prossimo alle 11 una manifestazione con conferenza stampa davanti ai cancelli dello stabilimento brianzolo.
Organizzazioni sindacali, Rsu e dipendenti chiedono ai vertici aziendali di mantenere gli impegni a siglare un accordo vincolante con uno dei potenziali investitori “affinché venga asseverato e presentato un solido piano concordatario – scrivono – e si possa tornare a lavorare a pieno, per soddisfare le molte commesse e finalizzare gli investimenti sui nuovi prodotti, oltre ovviamente a sanare i debiti con i fornitori”.
“Il tempo a disposizione sta terminando ed i dipendenti e le loro famiglie stanno soffrendo fortemente questa situazione di incertezza. Necessita che la proprietà e il CdA trovino immediatamente l’accordo con gli investitori affinché sia ripristinata una situazione finanziaria ed economica di normalità e si torni a dare futuro a tutti i lavoratori coinvolti, salvaguardando le competenze maturate in anni di attività e la conseguente competitività dell’azienda. Tutti questi mesi, troppi, trascorsi in continui cambi di scenari e di soluzioni, ha logorato i lavoratori nel morale e nelle tasche, lavorando poco e male, con stipendi ridotti e difficoltà nel reperire i materiali per produrre e portare avanti le attività di messa sul mercato dei nuovi prodotti. Questa situazione non può andare avanti ulteriormente e dunque chiediamo con forza che la proprietà di Fimer ed il suo CdA finalizzi questo accordo con gli investitori e presenti il piano di risanamento e di rilancio”.
I sindacati ricordano che Fimer ha raccolto il testimone di Power One e opera in un settore strategico e di prospettiva come quello delle rinnovabili: “E’, e deve continuare ad essere – proseguono – una società ai vertici del mercato attraverso l’eccellenza e la qualità maturati dalle proprie maestranze in diversi decenni di duro lavoro e costante presenza nel settore”.
I rappresentanti dei lavoratori ritengono inaccettabile ancora la società non trovi una soluzione alla crisi e chiedono che venga trovata immediatamente chiarendo se sussistano impedimenti o difficoltà per superarle e riportare l’azienda al ruolo industriale, occupazionale e sociale di rilievo e primaria importanza che riveste per i territori di Valdarno e Vimercate.
Siti produttivi che occupano diverse centinaia dipendenti diretti e altrettanti dell’indotto “e – chiosano i sindacati – non possiamo permetterci di perdere neppure un posto di lavoro”.