lunedì, Agosto 15, 2022

Malotti dopo le prime amichevoli dell’Aquila: “c’è da crescere, ma vedo miglioramenti. In difesa siamo contati”

Dopo le due amichevoli di lusso giocate dall’Aquila Montevarchi contro Ternana e Pisa, arriva il primo bilancio dell’allenatore dei rossoblù Roberto Malotti, soddisfatto a metà di quanto fatto fino ad adesso dai suoi, con un occhio al campo e uno al mercato, per rinforzare un reparto, quello difensivo, ancora carente di qualche elemento. Vero è che squadre come Ternana e Pisa, rispettivamente decima e terza nell’ultima Serie B, non saranno le dirette avversarie dei valdarnesi nel prossimo campionato di Lega Pro, gli umbri e i toscani sono infatti più avanti nella condizione e strutturate per affrontare un campionato, quello della Serie B, nettamente più competitivo.
Il Montevarchi queste due amichevoli le ha perse entrambi, ma non ha di certo perso il modo in cui approcciare questo tipo di partite, con l’atteggiamento offensivo e propositivo che ha caratterizzato la scorsa stagione degli uomini di Malotti, al quale va dato atto di saper spronare e tirare fuori il meglio dai suoi. “Nel primo tempo contro il Pisa – ha commentato il mister rossoblù – abbiamo fatto vedere qualcosa in più di quanto fatto con la Ternana, ma siamo comunque troppo indietro dal punto di vista della preparazione rispetto a queste squadre che hanno iniziato prima di noi e che hanno altri valori in rosa.
Sono stati comunque due test importanti e dei buoni allenamenti in vista della prossima stagione. In generale sono contento dell’impegno dei ragazzi”. Rossi, Manè, Cerasani, Saporiti, Buffa, Italenh, Alagna, tutti i nuovi hanno dato il loro contributo in queste due prime uscite. “È giusto far giocare tutti in queste amichevoli. In questi casi – ha aggiunto Malotti – non ci interessa fare risultato e sicuramente non vogliamo rischiare che i nostri uomini si infortunino. Per noi queste partite sono semplici amichevoli, quasi allenamenti, che servono per darci delle indicazioni importanti”. C’è ancora tanto da fare in campo e fuori e la voglia di far bene e di migliorarsi c’è. “Abbiamo preso tanti ragazzi giovani che hanno 18-19 anni. Sono ragazzi che hanno bisogno di migliorare attraverso il lavoro e capire quella che è la nostra idea di calcio. Su questo – è sicuro il mister – dovranno e dovremo lavorare insieme nei prossimi giorni”. Ma un occhio è anche sul mercato, ai possibili innesti necessari soprattutto nel reparto arretrato. “In difesa a livello numerico non siamo messi ancora bene – ha concluso Malotti – manca sicuramente da aggiungere qualche elemento. Stiamo lavorando con ciò che abbiamo, ma siamo comunque abbastanza contati, sicuramente arriverà qualcuno”.