mercoledì, Ottobre 5, 2022

Banca Valdarno. Volano gli utili. Costi delle bollette. Maxi intervento rivolto a famiglie e imprese

La Banca del Valdarno ha chiuso il semestre 2022 con risultati particolarmente positivi e in sensibile crescita sia rispetto allo stesso periodo del 2021 che alle previsioni del piano operativo 2022. L’utile netto si è attestato a oltre 5,9 milioni di euro, gli indicatori di solidità patrimoniale hanno raggiunto il 24,34 % a livello di CET 1 ed il 25,8% di Total capital ratio. I crediti deteriorati hanno proseguito il percorso di costante ridimensionamento con una riduzione da inizio 2022 di oltre il 24%, mantenendo livelli di copertura di oggettivo rilievo, pari al 69,59%. Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’istituto di credito Gianfranco Donato e dal direttore generale Stefano Pianigiani, che hanno poi annunciato misure molto importanti sull’aumento dei costi dell’energia: innanzitutto un plafond di 10 milioni di euro per la concessione di finanziamenti, a tassi agevolati, a favore delle imprese per rateizzare il costo delle bollette, ma anche per sostenere investimenti nell’ambito delle energie rinnovabili. L’altro intervento, ancora per fronteggiare il caro bollette, è in favore dei soci della Banca e si tratta di un plafond iniziale di 500.000 euro per la concessione di finanziamenti a tasso zero, fino ad un massimo di 5.000 euro, alle famiglie con ISEE non superiore a 40.000 euro.