mercoledì, Novembre 30, 2022

Celebrazioni del 4 novembre a Reggello e Rignano

Questa mattina a Reggello si sono tenute le celebrazioni per il 4 novembre, giorno dell’unità nazionale e delle forze armate. Sono state deposte le corone d’alloro ai monumenti ai caduti nel Loggiato del Comune, in Piazza Matteotti e in piazza IV Novembre, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti delle associazioni combattentistiche con l’accompagnamento musicale del gruppo SaràBanda dell’Istituto Comprensivo di Reggello.
“Pensare alla Prima Guerra Mondiale significa anzitutto dedicare un pensiero ai giovani di una generazione che si sono massacrati a vicenda, perdendo il dono più prezioso, quello della vita. La Guerra, da qualunque parte venga analizzata, è sempre una tragedia: non ci sono né vincitori né vinti. Lo sperimentiamo oggi, trovandoci a vivere una guerra nel cuore dell’Europa. Di fronte a tutto questo, ci rendiamo conto di quanto sia importante e prezioso ‘fare memoria’ affinché ciò che è accaduto non si ripeta mai più, auspicando che la guerra attualmente in corso trovi una soluzione di pace il prima possibile” afferma il Sindaco Piero Giunti.
In occasione della celebrazione il Sindaco ha anche ricordato la tragedia delle Lastre. “La vita del piccolo borgo delle Lastre, a Reggello, cessò alle 5 e 35 del 4 novembre 1966 – ha sottolineato – La montagna franò sulle case e sul fiume Resco, che scorreva accanto, facendolo esondare e provocando distruzione, macerie e morte. Alle fine si contarono sette vittime, in larga parte giovani e legate da vincoli di parentela. Il pensiero di tutta la Comunità di Reggello è rivolto alle vittime di questa disgrazia”.

Stamattina sulle note dell’Inno di Mameli , del Silenzio e del Piave si è svolta la cerimonia in onore dei Caduti delle guerre anche a Rignano sull’Arno. Dopo il discorso introduttivo dell’associazione nazionale dei carabinieri e la deposizione della corona di alloro a cura dell’amministrazione comunale, alcuni ragazzi della scuola secondaria di Rignano hanno letto gli articoli della costituzione. A seguire la presidente del consiglio comunale e il sindaco hanno tenuto un discorso per ringraziare e onorare i Caduti di tutte le guerre. La celebrazione si è conclusa con la benedizione ufficiale del parroco Don Gabriele.